Inclusion Week: la formula TIM

03/12/2018 - 11:30

- + Text size
Stampa
Da anni le aziende che hanno deciso di intraprendere un percorso verso l’inclusione, dedicano alcune giornate o settimane alla diffusione della cultura della valorizzazione delle diversità per sensibilizzare colleghi e management.
In TIM da 4 anni seguiamo una formula particolare: diamo ai colleghi la libertà di proporre un evento da realizzare nella propria sede e città.  
Si crea così un programma fitto e vario: appuntamenti, seminari formativi, eventi anche per i figli dei colleghi. Tutto nasce da idee e proposte delle nostre persone ed è basato sul loro bagaglio di passioni, network e esperienze.
L'edizione di quest'anno ha visto tra gli altri appuntamenti, la partecipazione di Vincenzo Zoccano, Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con deleghe a Famiglia e Disabilità, Federico Ferrazza, direttore di Wired, Franco Grillini, storica figura del movimento LGBT, Lella Golfo, firmataria della legge sulle quote di genere nei CdA.
Ci sono anche stati: un ciclo di seminari formativi, in streaming con collegamento di 8 città in contemporanea; eventi per i figli dei dipendenti e anche training digitale per i familiari senior; una partnership con AIRC e altre ONLUS per una raccolta fondi a partire dalla donazione di oggetti di valore TIM.
I numeri dell'iniziativa, in crescita nel corso in questi 4 anni, testimoniano il successo della formula.

26-30 novembre: i numeri della settimana dedicata all'inclusione

50.000 colleghi coinvolti in tutta Italia
oltre 227 eventi "live" e online
 in 22 città e 55 sedi
5 video- storie
Ci sono anche 5 storie, 5 grandi esperienze di inclusione.
Anch'esse hanno come protagonisti colleghi TIM, come lo sono coloro che  hanno realizzato i video animati in cui sono raccontate.

Il tema della 4^ edizione della Inclusion Week è l’inclusione come valore, perché c'è un nesso positivo tra organizzazione inclusiva e risultati. Vogliamo che l'inclusione sia sempre più parte del DNA di TIM come leva di crescita per un'azienda senza barriere, in cui ciascuno sia libero di esprimere il massimo del proprio potenziale.

Riccardo Meloni, Responsabile Human Resources & Organizational Development