Menu

 

Le emissioni di gas ad effetto serra del Gruppo sono costituite quasi esclusivamente da anidride carbonica generata da combustibili fossili, per riscaldamento, autotrazione, produzione di energia elettrica e acquisto di energia elettrica prodotta da terzi, spostamenti del personale (attività di servizio/manutenzione, viaggi di lavoro e spostamenti casa-lavoro).

Vengono inoltre considerate e convertite in kg di CO2 equivalente anche le dispersioni di gas idroclorofluorocarburi (HCFC), idrofluorocarburi (HFC) ed altri gas dagli impianti di condizionamento.In linea con la politica energetica adottata, al fine di ridurre le proprie emissioni, il Gruppo continua ad agire per:

  • cercare opportunità di risparmio energetico, cioè recuperare energia senza cambiamenti strutturali ma attraverso l'azione organica - ad es. allineamento e ridefinizione della temperatura delle politiche del Gruppo, miglioramento dell'efficienza degli impianti di cogenerazione e delle stazioni energetiche esistenti, ricalibratura dei setpoint nei siti multisistema, sistemi di refrigerazione di cogenerazione, free cooling, disconnessione di apparecchiature obsolete;
  • riqualificazione tecnologica e lavoro di generazione distribuita, con investimenti finalizzati al "minor utilizzo a costi inferiori", tra cui tecnologie di free cooling, prioritizzazione del condizionamento, illuminazione di uffici e siti industriali, nonché impianti di trigenerazione (incluse microimpianti), geotermico e altre fonti rinnovabili;
  • lavorare sull'organizzazione e sull'impegno energetico per identificare i "fattori abilitanti" ai fini del raggiungimento del risparmio energetico, definendo ruoli volti a guidare l'attuazione di iniziative per diffondere i risultati raggiunti a tutti i livelli e promuovere una cultura del risparmio energetico in azienda.