Menu

Focus sul Mercato Domestico - Telecomunicazioni fisse e mobili

29/05/2018 - 17:00

- + Text size
Stampa

Il contesto competitivo in cui opera TIM a livello nazionale nei settori delle telecomunicazioni fisse e mobili.

Nel corso del 2017 il mercato italiano delle TLC è ritornato ad una leggera crescita, dopo anni di ininterrotta contrazione, pur in un contesto che rimane fortemente competitivo.
Lo sviluppo Lo sviluppo del Broadband e dell’UltraBroadBand si conferma quale principale elemento di evoluzione del mercato e concorre ad uno scenario sempre più caratterizzato dalla possibilità, per gli operatori di telecomunicazioni, di sviluppare offerte convergenti che associano ai servizi TLC anche servizi Media & Entertainment, servizi IT, servizi Digitali.
Al contempo, gli operatori di telecomunicazioni, oltre a far fronte alla “core competition” degli altri operatori del settore, che continua oggi a rappresentare il fenomeno di maggior impatto quantitativo sulle dinamiche di mercato, devono fronteggiare l’“invasione di campo” da parte degli operatori non tradizionali, in particolare Over The Top - OTT e produttori di Device, che operano nel nuovo mondo digitale sfruttando assets e logiche competitive completamente diverse da quelle dei player TLC.
Nel tempo, quindi, i modelli di business tradizionali dei diversi player mutano per sfruttare le nuove opportunità e contenere le minacce dei nuovi entranti:

- nel settore Media & Entertainment, in funzione della crescente importanza del Web come piattaforma di distribuzione complementare, OTT, Operatori di Telecomunicazioni e produttori di Consumer Electronics acquisiscono un ruolo sempre più rilevante;
- nel mercato dell’Information Technology la contrazione dei ricavi tradizionali spinge i diversi player verso il Cloud computing, con l’obiettivo di proteggere il proprio core business. In tale settore si assiste ad un rafforzamento degli operatori di telecomunicazioni, anche attraverso partnership;
- i produttori di Consumer Electronics possono sviluppare piattaforme di servizi fruibili tramite Internet, facendo leva sul possesso del terminale e sulla gestione della user experience, disintermediando il rapporto del cliente con l’operatore di TLC;
-  gli Operatori OTT guidano, già da tempo, la trasformazione delle modalità di fruizione dei servizi TLC (anche sulla voce), integrandoli sempre più con Media & Entertainment, IT e nuovi servizi Digitali.

Per quanto riguarda invece il posizionamento attuale degli operatori di telecomunicazioni nei mercati convergenti si evidenziano, come in parte sopra anticipato, con livelli differenziati di evoluzione:

- lo sviluppo di nuovi servizi in ambito Media & Entertainment (TV, Music, Gaming) e di nuovi servizi Digitali (Smart Home, Digital Advertising, Mobile Payment-Digital Identity);
- lo sviluppo di Servizi Innovativi nel mercato IT, in particolare in ambito Cloud.

 

Telecomunicazioni Mobili

Il Il mercato mobile vede proseguire, da un lato, il trend di razionalizzazione delle seconde e terze carte SIM Human e dall’altro la crescita delle SIM Not Human guidata dall’incremento delle SIM Machine To Machine (M2M).
Nel 2017 si è mantenuta una lieve crescita della spesa in servizi, seppur con segnali di debolezza nel corso della seconda metà dell’anno. Prosegue la contrazione dei ricavi sulle componenti di servizio tradizionale quali voce e messaging, cui si contrappone la crescita a tassi sostenuti del Mobile Broadband.
E' infatti proseguita la crescita dei clienti mobile Broadband grazie allo sviluppo dell’LTE, con un tasso di penetrazione elevato sulle linee mobili soprattutto per effetto della crescente diffusione degli smartphones.
Accanto  a servizi innovativi già decollati e in piena fase di sviluppo, come nel caso delle Mobile Apps, vi sono diversi altri ambiti di mercato, associati allo sviluppo del Broadband Mobile, con un significativo potenziale di crescita nel medio termine, quali ad esempio l’Internet of Things ed il Mobile Payment.
Lo scenario competitivo del mercato italiano delle telecomunicazioni mobili nel 2017 è stato caratterizzato dall’efficacia della fusione tra Wind e H3G, che ha dato luogo al primo operatore del mercato in termini di SIM.
Inoltre, TIM ha lanciato Kena Mobile, nuovo operatore virtuale. Nel corso del 2018 è inoltre atteso l’ingresso sul mercato italiano dell’operatore francese Iliad, che diventerebbe così il quarto operatore infrastrutturato in aggiunta a TIM, Vodafone e, appunto, Wind Tre.
In parallelo gli MVO (operatori virtuali), tra cui Poste Mobile rappresenta il player di maggior rilievo, continuano a crescere a discapito degli operatori infrastrutturati..