TIM e Corning firmano un accordo per promuovere l’innovazione delle reti

12/02/2019 - 11:09

- + Text size
Stampa

Collaborazione volta alla promozione di infrastrutture intelligenti per le applicazioni di rete di prossima generazione in Italia

TIM e Corning Incorporated hanno siglato un accordo di collaborazione volto allo sviluppo di nuovi servizi e nuove applicazioni per le reti di prossima generazione.

In base all’accordo, TIM e Corning focalizzerano il loro sforzo congiunto per l’esplorazione di innovazioni nel campo della fibra e del 5G, oltre che nell’ambito dei servizi di nuova generazione basati sui dati, tra cui Internet delle cose, le Smart Cities e Intelligenza Artificiale. I due gruppi si concentreranno, in particolare, sull’evoluzione dell’infrastruttura e delle piattaforme di rete a banda larga, con l’obiettivo di rispondere meglio ai requisiti imposti dall’IoT e dal 5G, trend entrambi in forte crescita.

Il Memorandum d’Intesa stipulato tra le due parti mira, inoltre, a promuovere una più stretta collaborazione con altri protagonisti dell’innovazione tecnologica per consentire un’innovazione costante e la condivisione di best practice.

“Il nostro obiettivo è collaborare con partner che ci possano permettere di mantenere la nostra posizione di leader nei servizi di comunicazione anche in futuro, con l’accelerazione della nostra evoluzione verso le reti e i servizi di domani”, afferma Lucy Lombardi, responsabile Digital and Ecosystem Innovation in TIM. “Corning vanta una posizione di leadership nell’ambito della scienza dei materiali, dell’innovazione e delle tecnologie legate alla fibra. Con loro condividiamo una visione che prevede apertura delle reti, virtualizzazione e semplificazione al fine di offrire un’esperienza digitale di qualità superiore”.

“Corning può vantare investimenti tecnologici che contribuiscono alla creazione di nuovi mercati e spingono interi settori a riconsiderare ciò che una volta si riteneva impossibile. Collaboriamo con operatori delle telecomunicazioni e fornitori di soluzioni di rete in tutto il mondo al fine di sviluppare l’infrastruttura intelligente su cui sarà basata l’economia globale del futuro”, spiega Claudio Mazzali, Senior Vice President of Technology, Corning Optical Communications. “Questa partnership mira ad accelerare la fornitura di soluzioni efficaci che consentano l’applicazione del 5G, dell’IoT e dell’AI nell’ambito della trasformazione digitale di TIM, orientata a offrire servizi di nuova generazione ai clienti italiani”.

 

Corning Incorporated

Corning (www.corning.com) è un innovatore leader mondiale nel campo della scienza dei materiali, che vanta ben oltre 165 anni di invenzioni rivoluzionarie. Corning applica la propria superiore competenza alla scienza del vetro e della ceramica e alla fisica ottica, adoperando le sue approfondite capacità di produzione e progettazione per sviluppare prodotti iconici in grado di trasformare intere industrie e migliorare la vita delle persone. Il successo di Corning è coadiuvato da investimenti costanti nelle attività di ricerca, sviluppo e progettazione, dalla combinazione unica di innovazioni nel campo dei materiali e dei processi e dagli stretti rapporti basati sulla fiducia instaurati con i propri clienti, leader globali nei rispettivi settori di attività.

Corning punta su versatilità e sinergie per crescere e rispondere alle esigenze di un mercato in costante evoluzione, aiutando i propri clienti a cogliere nuove opportunità in settori caratterizzati da grande dinamismo. Attualmente Corning opera in mercati quali comunicazione ottica, elettronica mobile di consumo, tecnologia dei display, automotive e contenitori biologici. Tra i prodotti leader del settore a marchio Corning ricordiamo: vetri resistenti ai danni per dispositivi mobili; vetri ad alta precisione per display avanzati; fibra ottica, tecnologie wireless e soluzioni per la connettività in reti di comunicazione all’avanguardia; prodotti affidabili per accelerare la scoperta e la somministrazione di farmaci e tecnologie ecologiche per automobili e mezzi pesanti.

 


 

Roma, 12 febbraio 2019