TIM insegna il coding ai ragazzi della Scuola "Padre Pio" di Altamura

02/12/2019 - 14:00

- + Text size
Stampa

Si è svolta oggi la tappa pugliese di “ScuolaDigitaleTIM”, l’iniziativa di TIM per avvicinare in modo divertente i giovani studenti alla programmazione e ai concetti di logica e pensiero computazionale

Il progetto, realizzato all'interno del Protocollo d'intesa sottoscritto con il Ministero dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca, è giunto alla sua quarta edizione e toccherà quest’anno 20 nuovi comuni d’Italia, uno per ogni regione

Ha fatto tappa oggi ad Altamura (BA) “ScuolaDigitaleTIM”, il progetto nazionale promosso da TIM nell’ambito del protocollo d’intesa siglato con il MIUR, che avvicina gli studenti della scuola secondaria di primo grado alla programmazione e ai concetti di logica e pensiero computazionale attraverso l’utilizzo del visual coding.

Protagonisti i ragazzi della Scuola Media Statale "Padre Pio" che si sono cimentati nei laboratori di visual coding attraverso la piattaforma Coding Playground sviluppata da Codemotion Kids, presente sul sito scuoladigitale.tim.it

La piattaforma, utilizzabile anche dagli studenti che non partecipano agli incontri in classe, è suddivisa in tre ambienti di programmazione con tre diverse aree tematiche: gestione intelligente delle risorse e sostenibilità, 5G e importanza delle infrastrutture di telecomunicazione, uso consapevole del web e rispetto reciproco sui social.

In classe gli studenti utilizzano una versione della piattaforma più adatta all’aula che permette loro di riflettere sui temi. Una volta scelta l’area tematica su cui lavorare, la classe utilizza il visual coding, sotto la guida di un tutor, per realizzare uno scenario adatto al tema e alla sua interpretazione. Al termine della lezione i singoli progetti sono mostrati al resto della classe con una veloce dimostrazione. Nell’ultima fase della giornata di lavoro, il tutor agisce da moderatore al fine di stimolare la riflessione sui temi trattati.

Il risultato finale della lezione consiste in una galleria di progetti realizzati dagli studenti che potrà in seguito essere usata dall’insegnante scolastico per espandere e continuare il lavoro con loro.

Su scuoladigitale.tim.it  tutti gli studenti in target (10-14 anni) avranno accesso alla formazione sugli stessi temi e nella logica del learning by gaming. Come succede spesso nei videogiochi per smartphone alcune funzioni della piattaforma non saranno disponibili fin dall’inizio ma andranno “sbloccate” raggiungendo degli obiettivi (achievements).

Anche l’edizione di quest’anno propone a tutti la partecipazione ad un contest con premi messi in palio da TIM.

Nel corso del presente anno scolastico “ScuolaDigitaleTIM” coinvolgerà circa 5000 studenti dai 10 ai 14 anni di tutta Italia, toccando 20 comuni, uno per ogni regione: Altamura, Aosta, Benevento, Campobasso, Casalecchio di Reno, Città Sant’Angelo, Conegliano, Enna, Fabriano, Ivrea, Melfi, Perugia, Pontassieve, Pordenone, Rapallo, Rende, Rieti, Rovereto, Rozzano e Selargius.

 

Bari, 2 dicembre 2019