Futuro sostenibile

Contribuiamo allo sviluppo sostenibile dei Paesi in cui operiamo, con infrastrutture di rete e servizi digitali innovativi, condividendo le nostre competenze e know how. Approfondisci

Ultimi Comunicati Stampa

Leggi gli ultimi comunicati stampa e naviga nell'archivio dell'Ufficio Stampa del Gruppo TIM

I big data per governare la città

Gli strumenti di City Forecast consentono di svolgere analisi predittive a supporto delle decisioni delle Pubbliche Amministrazioni. Leggi di più

4 infografiche della rete

Le infografiche aggiornate a Giugno 2019 con schemi, numeri e tabelle, sulle nostre Reti ultrabroadband, a livello nazionale, regionale e provinciale.

16/10/2019 - 17:15

Ci sono diverse modalità per realizzare la rete ultrabroaband, tutte basate sull'utilizzo, più o meno esteso, della fibra ottica in qualche tratto.

Nell'infografica i colori indicano le possibili combinazioni. La linea blu indica una rete tutta in fibra, dalla centrale alla tua casa o dalla centrale all'antenna mobile 4G o 4.5 G.

L'arancione indica il tratto in rame, nel caso in cui la fibra è nella parte della rete che arriva sino alla centrale o all'armadio, lasciando in rame il resto collegamento sino alla tua abitazione.

La nostra offerta di connessione in banda larga e ultralarga oggi conta oltre 7,5 milioni di linee broadband retail (privati+mondo business), di cui 3,5 milioni con con tecnologia FTTx (da 30 Mbps a 1Gbps).

Sulla cartina dell'Italia le 107 province e le linee attive in ciascuna di esse. In rosso le 10 con il maggior numero. Come mostra l’infografica la distribuzione delle connessioni è piuttosto omogenea, con una leggera predominanza nelle province del centro-nord e nelle grandi città, che naturalmente hanno un numero maggiore di connessioni.

A dicembre 2019 la nostra rete fissa ha trasportato oltre 11 miliardi di Gigabyte, che significa scaricare in un anno 650 milioni di film in 4K oppure 750 milioni di videogiochi di ultima generazione.

A livello nazionale il volume medio di traffico per linea a giugno è stato di circa 100 Gigabyte.

Fra le cinque regioni che superano la media nazionale ben4 sono del Sud. Il volume medio è diviso in traffico “upstream” (cioè i dati immessi nella rete dall’utente) e “downstream” (cioè i dati scaricati dalla rete).

 

Uno sguardo alle province: nella top ten per volume medio di traffico dati scaricato, ben otto sono provincie meridionali. Napoli è al primo posto con circa 162 GB/mese, seguita da Crotone, Caserta e Palermo.

Nella infografica vediamo anche che le province meridionali sono fra i primi posti anche per il numero di centrali con accesso in fibra e di armadi adeguati alla connessione FTTCab. Un dato anche sul 4G e 4.5G: la maggior parte delle nostre province possiede oltre il 90% dei comuni coperti con queste reti mobili.

Leggi di più

Il futuro è a forma di nuvola

Perché gli investimenti sul cloud sono una priorità

L'agricoltura è smart

Il ruolo dell'IoT nell'efficienza dei raccolti

Open Innovation

La transizione digitale è sostenibile solo con un approccio aperto