Futuro sostenibile

Contribuiamo allo sviluppo sostenibile dei Paesi in cui operiamo, con infrastrutture di rete e servizi digitali innovativi, condividendo le nostre competenze e know how. Approfondisci

Ultimi Comunicati Stampa

Leggi gli ultimi comunicati stampa e naviga nell'archivio dell'Ufficio Stampa del Gruppo TIM

I big data per governare la città

Gli strumenti di City Forecast consentono di svolgere analisi predittive a supporto delle decisioni delle Pubbliche Amministrazioni. Leggi di più

Il Modello Organizzativo 231

 

 

In conformità al D. Lgs. n. 231/01 TIM ha adottato il “Modello Organizzativo 231” volto a prevenire la commissione dei reati che possono comportare la responsabilità amministrativa della Società qualora posti in essere nell’interesse/vantaggio dell’Ente stesso. 

I valori di trasparenza, correttezza e lealtà cui si ispira il TIM, sono alla base dell'adozione del Modello Organizzativo 231 che garantisce l'efficace svolgimento delle attività sensibili prevenendo, mediante l'applicazione, in particolare, dei principi previsti dal Decreto Legislativo 231/2001, la commissione dei reati che possono comportare la responsabilità amministrativa della società, se posti in essere nell'interesse o vantaggio della stessa.

A seguito dell’introduzione della norma, TIM si è dotata sin da subito di un Modello Organizzativo 231 volto a prevenire la commissione di reati e illeciti amministrativi astrattamente realizzabili nell’ambito dell’attività della Società. Il Modello Organizzativo 231 è uno strumento dinamico, che incide sull’operatività aziendale e che a sua volta deve essere costantemente verificato e aggiornato alla luce dei riscontri applicativi, così come dell’evoluzione del quadro normativo di riferimento.

L’Organismo di Vigilanza cura l’aggiornamento del Modello 231 sottoponendo al Consiglio di Amministrazione le modifiche e/o integrazioni che si rendano necessari alla luce di variazioni normative, organizzative o all’esito della concreta attuazione del Modello 231. A tal fine l’Organismo di Vigilanza si avvale dello Steering Committee 231, comitato di espressione manageriale. Lo Steering Committee 231 è coordinato dalla Direzione Compliance ed è supportato per l’espletamento dei propri compiti da tutte le funzioni aziendali interessate.

L’attuale versione (vers. 7.0) del Modello Organizzativo 231 di TIM Spa è stata adottata dal Consiglio di Amministrazione della Società in data 1° aprile 2020. Tale nuova versione, che rappresenta un significativo miglioramento rispetto alle precedenti in linea con le best practices e le linee guida di categoria, ha l’obiettivo di rafforzare ulteriormente il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi di TIM, area su cui la Società è da sempre impegnata.

Il Modello Organizzativo 231 di TIM risulta definito in ottica “cross compliance” tenendo conto dell’adozione di specifici modelli di controllo sviluppati dalla Società, in particolare: il Sistema di Gestione Anticorruzione, il Sistema di Controllo Interno sull’Informativa Finanziaria, il Tax Control Framework, il Safety Management System e il Sistema di Gestione Ambientale.

Di seguito si riportano le principali novità.

  • Nuova impostazione del MO 231 e suddivisione in:
    • Parte Generale, che descrive le caratteristiche del Modello; 
    • Parte Speciale, che descrive i Processi/Attività Sensibili, i reati 231 associati e i presidi di controllo; 
    • allegati: Codice Etico e di Condotta, Matrice di Correlazione Reati/Processi/Funzione/Procedure, Annesso tecnico-normativo. 
  • Ruolo dell’Organismo di Vigilanza attribuito ad un organo collegiale (n. 4 componenti) costituito da soggetti esterni ed interni a TIM. Attuale composizione dell’Organismo di Vigilanza: Giuseppe Pignatone (con funzione di Presidente), Carlo Piergallini, Anna Doro (sindaco effettivo) e Gianfranco Cariola (Responsabile della Direzione Audit della Società).
  • Riduzione/accorpamento dei Processi Sensibili (n. 15) e identificazione, per ciascun processo, di:
    • Attività Sensibili potenzialmente a rischio di commissione dei reati 231; 
    • definizione degli STD di controllo e indicazioni comportamentali; 
    • definizione di specifiche matrici di correlazione: i) attività sensibile/famiglia di reato; ii) attività sensibile/standard di controllo specifici.
  • Revisione dei Flussi informativi con definizione di KRI/red flag quali/quantitativi. L’elenco e modalità di invio dei flussi informativi/red flag sono disciplinati da specifiche Linee Guida.

Per quanto attiene alla Parte Speciale del Modello Organizzativo 231, gli standard di controllo ai fini della prevenzione degli illeciti rispetto ai Processi/Attività Sensibili sono definiti alla luce di tre regole cardine e precisamente:

  • la separazione dei ruoli nello svolgimento delle principali attività inerenti ai processi; 
  • la cosiddetta "tracciabilità" delle scelte, cioè la costante visibilità delle stesse (ad esempio mediante apposite evidenze documentali), per consentire l'individuazione di precisi "punti" di responsabilità e la "motivazione" delle scelte stesse;
  • l'oggettivazione dei processi decisionali, in modo che, nell'assumere decisioni, si prescinda da valutazioni meramente soggettive e si faccia, invece, riferimento a criteri precostituiti.

Inoltre, il Modello Organizzativo 231 risulta quale riferimento per la definizione di specifici Modelli Organizzativi 231 oggetto di adozione da parte delle società controllate.

Leggi la parte generale del Modello Organizzativo 231

Parte Generale

758 KB