Futuro sostenibile

Contribuiamo allo sviluppo sostenibile dei Paesi in cui operiamo, con infrastrutture di rete e servizi digitali innovativi, condividendo le nostre competenze e know how. Approfondisci

Ultimi Comunicati Stampa

Leggi gli ultimi comunicati stampa e naviga nell'archivio dell'Ufficio Stampa del Gruppo TIM

TIM e le persone LGBT+: le vie dell'inclusione

La presenza ai Pride, la collaborazione con Parks, la storia di Valentina, prima moglie LGBT+ e poi mamma. Leggi di più

La vita sulla nuvola di TIM

Il cloud permette a chiunque di accedere alla massima capacità informatica. Una tecnologia che apre la strada a infinite soluzioni e applicazioni. Leggi di più

TIM attiva la banda ultralarga nelle “aree bianche” di 118 comuni del Veneto

07/04/2020 - 14:00

Ha preso il via un vasto programma di interventi infrastrutturali attraverso l’accensione di 478 cabinet su tutto il territorio regionale collegati alla rete in fibra ottica

L’iniziativa dà attuazione al decreto “Cura Italia” per l’emergenza Covid-19 e alle conseguenti misure di Agcom per potenziare le infrastrutture di rete nel Paese

 

TIM accelera sullo sviluppo della banda ultralarga in Veneto avviando un importante piano che già da oggi rende disponibili i collegamenti in fibra ottica nelle “aree bianche” di 118 comuni distribuiti sull’intero territorio regionale, che aumenteranno progressivamente nel corso delle prossime settimane, attraverso l’accensione di 478 armadi stradali collegati alla rete FTTC (Fiber to the cabinet).
L’iniziativa, che rientra nell’ambito di un importante programma nazionale, ha l’obiettivo di dare attuazione alle disposizioni emergenziali arrivate dalle principali Istituzioni e Autorità del Paese. In particolare, con riferimento all’articolo 82 del decreto “Cura Italia” per l’emergenza Covid-19, all'Ordinanza della Presidenza del Consiglio e alle misure urgenti di Agcom riguardanti i servizi a banda larga e ultralarga. Un insieme di misure rivolte agli operatori con la richiesta di adottare tempestive iniziative atte a potenziare le infrastrutture di rete e a garantirne il funzionamento e l’operatività migliorandone la disponibilità, la capacità e la qualità, consentendo inoltre di rafforzare la rete gestendo i picchi di traffico di questa fase.


I 118 comuni del Veneto già oggetto di questo intervento sono così distribuiti a livello delle singole province: Belluno 16, Padova 31, Rovigo 8, Treviso 20, Venezia 5, Verona 25 e Vicenza 13. TIM, sulla base del programma di copertura, ha già “acceso” i servizi a banda ultralarga nei comuni che rientrano nella prima tranche di interventi, rendendoli disponibili sia alla clientela retail, sia a quella wholesale.


Grazie a questo importante programma infrastrutturale, un sempre maggiore numero di cittadini, imprese e pubbliche amministrazioni é abilitato ai servizi a banda ultralarga fino a 200 Mbps per soddisfare la crescente domanda di connettività nelle zone rurali e a bassa densità abitativa del Paese, anche nell’ottica di sostenere lo Smart working.


Per assicurare connessioni ultrabroadband nei comuni non ancora raggiunti dalla fibra, inoltre, TIM conferma il proprio impegno per la diffusione di connessioni ultrabroadband grazie alla tecnologia FWA (Fixed Wireless Access).


Questo l’elenco dei comuni interessati dagli interventi:


Provincia di Belluno: Alleghe, Alpago, Auronzo di Cadore, Belluno, Borgo Valbelluna, Cencenighe Agordino, Cibiana di Cadore, Pedavena, Perarolo di Cadore, Pieve di Cadore, Rocca Pietore, San Pietro di Cadore, Sospirolo, Soverzene, Sovramonte, Voltago Agordino.

Provinvia di Padova: Baone, Battaglia Terme, Borgo Veneto, Brugine, Cadoneghe, Campo San Martino, Campodarsego, Campodoro, Cervarese Santa Croce, Cittadella, Conselve, Curtarolo, Este, Legnaro, Loreggia, Lozzo Atestino, Masi, Ospedaletto Euganeo, Piazzola sul Brenta, San Giorgio delle Pertiche, San Giorgio in Bosco, San Martino di Lupari, Santa Giustina in Colle, Sant'Angelo di Piove di Sacco, Stanghella, Teolo, Tombolo, Tribano, Vigodarzere, Villafranca Padovana, Villanova di Camposampiero


Provincia di Rovigo: Adria, Badia Polesine, Canaro, Castelmassa, Castelnovo Bariano, Ceregnano, Porto Tolle, Rovigo


Provincia di Treviso: Asolo, Casale sul Sile, Casier, Castello di Godego, Colle Umberto, Cordignano, Cornuda, Crocetta del Montello, Istrana, Mogliano Veneto, Nervesa della Battaglia, Ormelle, Orsago, Ponzano Veneto, San Fior, San Vendemiano, San Zenone degli Ezzelini, Segusino, Silea, Volpago del Montello


Provincia di Venezia: Campolongo Maggiore, Caorle, Concordia Sagittaria, Fossalta di Portogruaro, Portogruaro

Provincia di Verona: Affi, Albaredo d’Adige, Badia Calavema, Bevilacqua, Bosco Chesanuova, Caldiero, Castagnaro, Dolcè, Fumane, Garda, Grezzana, Isola della Scala, Isola Rizza, Minerbe, Nogara, Oppeano, Palù, Rivoli Veronese, Roverè Veronese, San Pietro in Cariano, San Zeno di Montagna, Vestenanova, Vigasio, Villa Bartolomea, Zevio


Provincia di Vicenza:
Arcugnano, Asiago, Carrè, Longare, Montecchio Maggiore, Monteviale, Romano d'Ezzelino, San Vito di Leguzzano, Sossano, Sovizzo, Tezze sul Brenta, Thiene e Villaverla

 

Venezia, 7 aprile 2020

 

Allegati

Nota Stampa

92 KB