Futuro sostenibile

Contribuiamo allo sviluppo sostenibile dei Paesi in cui operiamo, con infrastrutture di rete e servizi digitali innovativi, condividendo le nostre competenze e know how. Approfondisci

Ultimi Comunicati Stampa

Leggi gli ultimi comunicati stampa e naviga nell'archivio dell'Ufficio Stampa del Gruppo TIM

I big data per governare la città

Gli strumenti di City Forecast consentono di svolgere analisi predittive a supporto delle decisioni delle Pubbliche Amministrazioni. Leggi di più

Telecom Italia: preoccupante aumento di furti di cavi a Roma sud

L’azienda ha già presentato denuncia alle autorità competenti. Nelle ultime settimane rubati circa 3 chilometri di cavi in rame.

06/06/2012 - 15:00

Telecom Italia rende noto di aver presentato denuncia-querela alle Autorità giudiziarie competenti a seguito di ripetuti furti di cavi avvenuti nelle ultime settimane nella zona di Roma sud, in particolare a La Rustica e Torre Gaia.

Ignoti hanno asportato complessivamente circa 3.000 metri di cavi.

I tecnici di Telecom Italia sono ogni volta tempestivamente intervenuti sul posto per ripristinare le tratte di cavo asportato e per riattivare nel più breve tempo possibile le linee telefoniche coinvolte.

Telecom Italia ricorda che nelle zone più colpite è in corso, da parte dell’Azienda, la graduale sostituzione dei cavi in rame oggetto dei furti con nuovi cavi in alluminio, dal valore commerciale praticamente nullo rispetto al rame.

Sulle tratte interessate l’Azienda ha inoltre attivato un apposito sistema di allarmistica, denominato Securvox, che in caso di manomissione fa partire un allerta automatico alla più vicina stazione delle FF.OO.

Tali accorgimenti tecnici vanno ad aggiungersi all’impegno congiunto della Security aziendale e delle Forze dell’Ordine nel presidio delle linee e nel contrasto dell’attività criminosa.

In merito ai conseguenti disservizi verso la clientela, l’Azienda sottolinea di essere parte lesa rispetto ad un fenomeno che si sta verificando con frequenza e gravità tali da pregiudicare talvolta i normali tempi di risoluzione.

Roma, 6  giugno 2012

Allegati

Nota Stampa (48 Kb)

48 KB