Futuro sostenibile

Contribuiamo allo sviluppo sostenibile dei Paesi in cui operiamo, con infrastrutture di rete e servizi digitali innovativi, condividendo le nostre competenze e know how. Approfondisci

Ultimi Comunicati Stampa

Leggi gli ultimi comunicati stampa e naviga nell'archivio dell'Ufficio Stampa del Gruppo TIM

I big data per governare la città

Gli strumenti di City Forecast consentono di svolgere analisi predittive a supporto delle decisioni delle Pubbliche Amministrazioni. Leggi di più

Telecom Italia torna sulla Ferrari con il marchio Alice

24/05/2006 - 12:00

Telecom Italia ritorna nel mondo della Formula 1
con l’accordo di sponsorizzazione che, a partire dal 2007, legherà per un triennio il brand dell’Internet veloce alla Scuderia Ferrari Marlboro


La prossima stagione della Formula 1 segnerà il ritorno di Telecom Italia sulla Ferrari. Grazie all’accordo tra le due società, siglato dall’Amministratore Delegato di Telecom Italia, Riccardo Ruggiero e dal Direttore Generale della Casa di Maranello, Jean Todt, il marchio Alice sarà sponsor ufficiale della Scuderia Ferrari Marlboro e sarà presente sulle monoposto che disputeranno il Campionato del Mondo di Formula 1.

L’accordo entrerà in vigore a partire dal 1° gennaio 2007 e avrà durata triennale.

“Sono felice di questa partnership che riavvicina due realtà, Telecom Italia e Ferrari, da sempre simbolo della competitività italiana e della ricerca tecnologica ad altissimo livello” ha dichiarato l’Amministratore Delegato di Telecom Italia, Riccardo Ruggiero.

“La scelta di abbinare alla Scuderia Ferrari Marlboro il nostro brand Alice conferma la naturale sintonia dei valori che ci accomunano: innovazione, velocità, eccellenza ma anche passione e vitalità, doti necessarie ad entrambi per competere in un momento in cui l’evoluzione tecnologica è così rapida”.

Alice, il brand dell’Internet veloce di Telecom Italia, è anche sponsor ufficiale della Ducati nel MotoGP e, insieme a TIM, partner di Luna Rossa Challenge nella sfida all’America’s Cup del 2007.

Roma, 24 maggio 2006