Menu

Report di sostenibilità

09/06/2016 - 16:45

- + Text size
Stampa

Il Report di Sostenibilità 2015 è stato redatto secondo le line guida  del  Global Reporting Initiative (GRI)-G4, opzione "comprehensive". Il GRI Content Index Service ha formalmente confermato che il relativo processo di redazione è stato completato con successo

La Global Reporting Initiative, fondata nel 1997 dal CERES (Coalition for Environmentally Responsible Economy), è da anni il principale organismo mondiale per la definizione degli indicatori e dei contenuti per la rendicontazione della performance di sostenibilità.

Per conseguire questo importante risultato, TIM ha raccolto circa 500 indicatori (Key Performance Indicator – KPI) quantitativi e qualitativi.

Anche quest'anno il processo di analisi di materialità è stato condotto seguendo i requisiti richiesti dalla GRI G4 con lo scopo di individuare quei topic che più risultano rilevanti in relazione agli impatti socio-ambientali ed economici che le attività di business generano all’interno e all’esterno dell’organizzazione.
A tale scopo il processo di stakeholder engagement è stato arricchito con l’organizzazione di un forum multistakeholder per consentire a TIM di ricevere contributi che tenessero conto delle diverse prospettive e allo stesso tempo riportassero una visione già integrata e mediata delle diverse aspettative e priorità. L’assegnazione delle priorità delle tematiche emerse, ha condotto a individuare le tematiche materiali oggetto di disclosure.  

La strategia di Corporate Shared Value e le 3 aree strategiche

Nel corso del 2015 abbiamo fatto evolvere la Corporate Social Responsibility verso il concetto di Corporate Shared Value (CSV – valore condiviso d’impresa) con l’obiettivo di collegare i risultati economico-finanziari con il progresso sociale creato attraverso la risposta ai bisogni espressi dalle realtà in cui il Gruppo opera.

In particolare, tramite la definizione del modello di CSV - TIM Shared Value Model - sono state identificate tre aree di intervento e di misurazione, confermate dalle risultanze della matrice di materialità. La struttura del Bilancio è stata organizzata quindi sulle aree cosi definite:

  • digitalizzazione, connettività e innovazione sociale
  • tutela dell’ambiente
  • cultura digitale

All’interno delle tre aree sono stati inseriti i primi 17 progetti, misurati tramite il TIM Shared Value Model in Italia e in Brasile.