Menu

Valutazioni d'impatto

15/05/2018 - 14:45

- + Text size
Stampa

TIM SHARED VALUE

Cosa è

Lo Shared Value Model sviluppato da TIM è un modello che, a fasi successive, permette di identificare, con parametri qualitativi e quantitativi, il valore degli impatti sociali sulla comunità e territorio di riferimento, determinati dal business di riferimento. La validità del Modello è stata certificata da un Ente Terzo PWC (PriceWaterHouseCooper) che ha riconosciuto già dal 2016 la Validazione di questo Modello di Misurazione.

Obiettivi

Avvicinare e integrare la responsabilità sociale nelle attività di business, in modo da valorizzarla come opportunità di creazione di valore, non solo per la società, ma anche per il business stesso e dare evidenza di come la sostenibilità può dare sia ai risultati economici aziendali sia alla comunità in termini di valore sociale e di tutela delle risorse naturali.

Consulta anche le schede dei progetti misurati nel 2015 e 2016

Attività e progetti misurati

Digitalizzazione del Paese, Impatto occupazionale, TIM Ventures e gli Asili nido e la Scuola materna in TIM sono le attività e i progetti che abbiamo preso in considerazione nel 2017 per misurarne il valore in termini di business e di impatto sociale attravero il TIM Shared Value Model.

DIGITALIZZAZIONE DEL PAESE

DOTARE IL PAESE DI CONNESSIONi ULTRAVELOCI

Strategia di TIM
La sfida colta con il piano ultrabroadband è quella di diventare abilitatore di connessioni tra imprese digitali e imprese tradizionali, in modo da creare sinergia positiva e di facilitare l’ingresso della Pubblica Amministrazione e delle comunità locali nell’ecosistema digitale
Obiettivi
- abilitare la vita digitale del Paese, contribuendo alla crescita dell’economia italiana e creando nuovi posti di lavoro
- garantire un accesso ultrabroadband di elevata qualità
- diffondere la copertura del servizio in maniera pervasiva in un numero sempre maggiore di aree

social value

icona-social-value
- 4.277 mln € per impatto da costruzione e deployment della rete
- oltre 36.200 posti di lavoro attivabili grazie agli investimenti nella rete fissa e mobile

business value

icona-business-value
4.813 mln € di ricavi 
 

IMPATTO OCCUPAZIONALE

motore per l'occupazione ed economia del paese

Strategia di TIM
Telecom Italia rappresenta l’operatore di riferimento nel viaggio dell’innovazione e della digitalizzazione determinante per il processo di trasformazione sia tecnologica sia dei processi organizzativi interni. TIM è asset occupazionale anche per tutto l’indotto che ad essa fa  riferimento.
Obiettivi
- confermare e accrescere il ruolo «pervasivo» di TIM per l’intera economia del Paese, per la competitività delle sue aziende e per l’efficienza della Pubblica Amministrazione
- tutelare il benessere sociale dei cittadini, mediante la generazione di lavoro diretto e indiretto

social value

icona-social-value
Circa 109.000 posti di lavoro diretti ed indiretti in Italia, pari a 8.214  mln € di cui:
- circa 2.546 mln di € di contributi diretti alle famiglie italiane
- circa 5.668 mln di € di contributi indiretti alle famiglie italiane

TIM VENTURES

PROPULSORE DI INNOVAZIONE DIGITALE PER IL PAESE

Strategia di TIM
TIM Ventures, il corporate venture capital di TIM, è uno degli strumenti tramite cui TIM ha realizzato la propria strategia di Open Innovation, fattore distintivo per l’innovazione digitale.
Il business e le sue regole del gioco cambiano a ritmi velocissimi. I prodotti e i servizi necessitano di continua ricerca. Il talento e le competenze si muovono.
E’ quindi sempre più fattore critico di successo per un’azienda innovare. E in un contesto dinamico e digitale come quello in cui opera TIM, l’innovazione è necessariamente operata utilizzando non solo le risorse interne, i laboratori, i propri reparti R&D, ma anche rivolgendosi all’esterno, in ottica di ”Open Innovation”, un’espressione coniata nel 2003 dall’economista statunitense Henry Chesbrough, che dirige il “Garwood Center for Corporate Innovation” della Haas School of Business - UC Berkeley e che sul tema ha scritto numerosi e importanti contributi.
Obiettivi
L’innovazione di TIM passa anche tramite l’Open Innovation imprenditoriale. L’investimento in startup digitali in sinergia con la business strategy di TIM ha avuto l’obiettivo di innestare e promuovere un circolo virtuoso mutuamente profittevole, in cui, da un lato, TIM si propone di cogliere le migliori innovazioni di prodotto e di servizio ottimizzando il time-to-market dell’innovazione, dall’altro, la realtà finanziata trova in TIM un soggetto capace di sostenerne lo sviluppo e di proporsi come partner e riferimento industriale.

social value

icona-social-value
€ 2,6 mln investiti
75 i dipendenti delle partecipate TIM Ventures
+ € 2,9 mln il valore della produzione delle partecipate TIM Ventures
+ € 7,9 mln i capitali di rischio complessivamente raccolti dalle partecipate TIM Ventures

business value

icona-business-value
14 partecipazioni in start up
 

GLI ASILI NIDO E LA SCUOLA MATERNA IN TIM

PEOPLE CARING

Strategia di TIM
La passione con cui lavorano le persone è fondamentale per la sopravvivenza di qualsiasi impresa. La sostenibilità economica dipende quindi anche dal rispetto e dall’attenzione che le aziende mostrano verso i dipendenti. Sulla base di questa convinzione, TIM mette in atto numerose iniziative per far sì che le sue persone siano serene nella vita lavorativa e anche, per quel che l’azienda può fare, nella vita personale
Obiettivi
- rispettare l’equilibro tra vita lavorativa e tempo libero dei propri dipendenti
- supportare le esigenze dei figli e della famiglia in genere
- valorizzare le forma di diversità presenti nel contesto lavorativo, offrendo soluzioni flessibili e personalizzate

social value

icona-social-value
- oltre 1,37 milioni di euro
- 23 asili nido e 2 scuole materne
- 424 posti disponibili
- contributo medio per bambino pari a circa 3.200 €

business value

icona-business-value
- Riduzione delle assenze delle lavoratrici madri e conseguente riduzione dei costi per assenteismo
- Riduzione del periodo di congedo parentale e del ricorso al part-time