Menu

La strategia di TIM per il triennio 2018 - 2020 parla digitale.

Il Gruppo, attraverso lo sviluppo di infrastrutture ICT di ultima generazione, la continua attenzione alla loro sicurezza e lo sviluppo di servizi, innovativi contribuisce in modo determinante alla trasformazione digitale necessaria al Paese per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile rispetto ai quali l’Italia si trova a dover lavorare ancora molto.
Infatti, secondo il nuovo Rapporto Bertelsmann–Sdsn (*), l’Italia è al 30esimo posto su 157 nel mondo e al 17esimo tra i Paesi Ocse nella classifica sull’avanzamento rispetto agli Obiettivi di sviluppo sostenibile.
In tabella sono rappresentati gli 11 obiettivi più rilevanti all’interno della catena del valore di TIM (li abbiamo individuati considerando i topic materiali e analizzando i target corrispondenti, sui quali possiamo incidere come azienda), dove il livello di priorità è dato dal divario registrato in Italia rispetto ad un teorico valore di 100.


(*) “SDG Index and Dashboards Report” realizzato da Fondazione Bertelsmann e da Sustainable Development Solutions Network (Sdsn)

 

La strategia di tim 2018-2020

Scopri il piano strategico triennale DigiTIM approvato dal Consiglio di Ammnistrazione.
Tutte le informazioni sul piano 2018-2020 e sui risultati 2017 del Gruppo Telecom Italia.
SDGs
Divario Target individuato

n. 12: Consumo e produzione responsabili

43 12.2 - 12.8

n. 16: Pace, Giustizia e Istituzioni forti

40 16.2 - 16.5

n. 9: Imprese, innovazione e infrastrutture

39 9.1 - 9.4

n. 5: Parità di genere

33 5.8

n 10: Ridurre le disuguaglianze

28 10.2

n. 13: Lotta contro il cambiamento climatico

24 13.1-13.3

n. 8: Lavoro dignitoso e crescita economica

21 8.2 - 8.4 - 8.5 - 8.7 - 8.8

n. 7: Energia pulita e accessibile

12 7.2-7.3

n. 4: Istruzione di qualità

9 4.4 - 4.8

n. 3: Salute e Benessere

8 3.8

n. 11: Città e comunità sostenibili

8 11.6
La principale conclusione di questa analisi fatta da TIM sui dati pubblici di “SDG Index and Dashboards Report”, letta con i risultati della matrice di materialità del 2017 e considerando l’impatto che il settore ICT ha sugli SDGS è che l’Italia potrà raggiungere l’obiettivo degli SDGs solo in presenza di incisive politiche di transizione energetica ed ecologica, di forti investimenti sull’innovazione e il capitale umano, oltre che di politiche settoriali volte a ridurre le disuguaglianze, a rigenerare gli ecosistemi a rischio e a migliorare le infrastrutture e la qualità della vita nelle città.