Menu

Cambiamento climatico

17/05/2017 - 15:30

- + Text size
Stampa

La lotta al cambiamento climatico costituisce un obiettivo sfidante e urgente. L’11 novembre 2016 l’Italia ha ratificato l’Accordo di Parigi per il contenimento del riscaldamento globale del pianeta che è entrato in vigore a livello internazionale il 4 novembre 2016.

Secondo gli studi condotti dall’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) il pianeta si è scaldato (di poco meno di un grado come media globale) e stiamo andando verso un aumento della temperatura media del globo che a fine secolo potrà essere, se non si interviene decisamente, anche di 4° – 5°C. Già oggi conosciamo bene gli effetti provocati dal cambiamento climatico:

  • il pianeta si sta riscaldando e continuerà a riscaldarsi nei prossimi decenni;
  • le attività umane – in particolare la combustione di carbone, gas e petrolio – ne sono la causa principale;
  • alluvioni, siccità, ondate di calore, ovvero quelli che gli esperti chiamano eventi estremi, si stanno intensificando in diverse parti del mondo e in modo irregolare e mettono a repentaglio l’idea di stabilità cui siamo abituati: comunità distrutte, danni fisici ed economici a persone e interi sistemi produttivi.

Il settore dell’Information and Communication Technology (ICT) può fornire un contributo importante allo sviluppo dell’economia, al miglioramento dell’efficienza energetica e alla lotta contro i cambiamenti climatici, come dimostrato da vari studi e analisi del settore ICT, e recentemente riaffermato dal Rapporto SMARTer 2030, pubblicato nel 2015 dalla Global e-Sustainability Initiative.

L’approccio seguito dal Gruppo per contrastare il cambiamento climatico si fonda su tre livelli sinergici di azione:

  • la riduzione delle proprie emissioni dirette e indirette di gas serra;
  • il contenimento delle emissioni degli altri settori e dei clienti in generale attraverso il supporto alla dematerializzazione e l’offerta di servizi che promuovano nuovi modi di lavorare, apprendere, viaggiare e, più in generale, di vivere;
  • il contributo alla diffusione di una cultura basata su un corretto approccio ai temi ambientali all’interno e all’esterno dell’Azienda con un focus particolare sulle conseguenze dei cambiamenti climatici e sul contributo che i singoli e le imprese possono dare alla riduzione delle emissioni di gas serra..