Menu

Digital Inclusion in Brasile

03/08/2017 - 15:00

- + Text size
Stampa

L’attenzione all’innovazione e agli investimenti in nuove infrastrutture e tecnologie caratterizza l’azione di TIM anche in Brasile, Paese nel quale il Gruppo opera dal 1997 attraverso la controllata TIM Brasil e che, per il Gruppo, è il secondo mercato di riferimento. Tale presenza si è andata rafforzando negli ultimi anni grazie ad acquisizioni strategiche: le infrastrutture di rete fissa di Intelig e AEM Atimus hanno permesso al Gruppo di rafforzare le dorsali e i collegamenti di giunzione delle stazioni radio base della rete mobile attraverso l’utilizzo di cavi in fibra ottica che, in una prospettiva di sviluppo delle reti LTE, risultano ancora più importanti e strategici.
Solo negli ultimi 5 anni TIM ha investito in Brasile oltre 23 miliardi di reais, con un focus prevalentemente indirizzato alla realizzazione delle infrastrutture di nuova generazione e contribuendo fattivamente alla modernizzazione del Paese.
Gli importati investimenti hanno consentito a TIM di rafforzare la propria leadership nel 4G, sia in termini di percentuale della popolazione raggiunta che nel numero di città coperte.
A fine 2016 TIM copre circa il 95% della popolazione urbana brasiliana, con una presenza in oltre 3.460 città; più in particolare l’89% della popolazione urbana con la tecnologia 3G e il 74% con il 4G.
Infine TIM Brasil ha concluso nel 2016 la vendita della quinta tranche delle torri a American Tower do Brasil, al fine di ottimizzare la risorse finanziarie da dedicare al piano di sviluppo.
In America Latina la telefonia mobile, sin dalla sua introduzione, ha svolto un ruolo chiave nel processo di integrazione delle fasce più disagiate, divenendo fattore di coesione e di partecipazione alla vita sociale e democratica. TIM Brasil gestisce quasi 63 milioni di linee mobili e, in questo contesto, ha sempre giocato un ruolo importante. Quanto fatto in passato estendendo la copertura della rete mobile a tutto il paese, prosegue su alcuni importanti assi di sviluppo, quali il miglioramento della qualità della rete per le maggiori città, lo sviluppo del Mobile BroadBand e del Fiber-To-The-Site (FTTS) sviluppato in alcune città, progetti pilota di small-cell e Wi-Fi e lo sviluppo del progetto di trasmissione LT Amazonas fiber nella regione amazzonica.

TIM Brasil si distingue per progetti di inclusione sociale come la Transamazonica Digital, che porta fibra ottica in alcune municipalità delle regioni di Amazonas, Parà e Amapà.
La disponibilità di infrastrutture, tuttavia, è solo uno degli ingredienti e deve procedere di pari passo a una complessiva crescita digitale della popolazione, un’alfabetizzazione che faccia sviluppare la domanda e stimoli gli investimenti. In questo contesto si colloca il “piano nazionale di banda larga” del Brasile (PNBL - Programa Nacional de Banda Larga), cui il Gruppo ha partecipato fin dall’inizio, un programma federale che ha guidato il Paese verso l’obiettivo di incoraggiare e diffondere l’uso e la distribuzione di beni e servizi ICT, di espandere la copertura delle reti alle aree più remote nonché di rendere più accessibili i servizi a tutte le fasce della popolazione, contribuendo a ridurre le diseguaglianze economiche e sociali.
TIM Brasil ha continuato la promozione delle offerte commerciali per favorire la diffusione del web mobile, portando nuove offerte flat al mercato e offerte a consumo con tariffe convenienti, particolarmente adatte a favorire l’ampliamento della digital inclusion socioculturale (ad esempio INFINITY WEB e LIBERTY WEB).
Inoltre, il progetto Data Connections raggiunge tutte le scuole pubbliche ubicate in zone rurali, all’interno dell’area di copertura TIM (download dati a 256 kbps e upload a 128 kbps). A dicembre 2016 il progetto è stato realizzato al 95%.