Menu

La Fondazione TIM e i suoi obiettivi

31/05/2016 - 15:18

- + Text size
Stampa

La missione di Fondazione TIM  è promuovere la cultura del cambiamento e dell'innovazione digitale, favorendo l’integrazione, la comunicazione e la crescita economica e sociale.

Fondazione TIM può operare, in Italia e all’estero, nei modi e con gli strumenti che vengono, di volta in volta, ritenuti idonei per il conseguimento degli scopi statutari.

Coerentemente con la missione sono state individuate quattro aree d’intervento:

  • Istruzione: innovare didattica e istruzione promuovendo iniziative volte, sia all’aggiornamento tecnologico della scuola italiana, sia all’innovazione profonda di metodologie e strumenti didattici.
  • Cultura dell’innovazione: diventare il punto di riferimento per la cultura dell’innovazione attraverso un convegno internazionale annuale, due lectures universitarie e pubblicazioni di ricerca sui temi legati al business e alla storia dell’innovazione.
  • Social Empowerment: promuovere i processi di cambiamento in atto nella società attraverso l’azione delle nuove tecnologie a favore delle imprese sociali, per aiutarle a fare “bene il bene”.
  • Patrimonio Storico-Artistico: contribuire alla tutela di un patrimonio famoso in tutto il mondo consentendone la fruizione anche con modalità innovative per rendere il nostro Paese sempre più competitivo.

Fondazione TIM persegue la diffusione della cultura dell'innovazione, allo scopo di favorire la solidarietà e lo sviluppo civile, culturale ed economico.  FTI, che si impegna senza discriminazioni di nazionalità, carattere razziale e professione religiosa, intende perseguire istituzionalmente la definizione, la realizzazione, la promozione di iniziative e progetti, operando in particolar modo nei seguenti settori:

  • Istruzione: si punta all’uso delle tecnologie in una chiave di trasformazione delle metodologie e degli interventi didattici che si basano sul digitale come agente abilitante in termini di educazione e formazione, sia per gli studenti che per gli insegnanti.
  • Cultura dell’innovazione: prevede un programma di lectures annuali e lezioni divulgative nell’ambito della cultura scientifica e tecnologica.
  • Social empowerment: si concretizza nel promuovere, nelle imprese sociali, un migliore utilizzo delle nuove tecnologie insieme ad una buona capacità di gestione ed efficienza, per aiutare sempre più a far “bene il bene”.
  • Patrimonio Storico-Artistico: si concretizza nella realizzazione di progetti finalizzati alla diffusione della conoscenza e della fruizione dei beni tramite i nuovi strumenti tecnologici. Che si tratti di un supporto per la digitalizzazione degli archivi di un museo o di strumenti per rilanciare antichi mestieri ed eccellenze artigianali, la scelta progettuale è fatta in base alla fruibilità del risultato a livello collettivo, in un’ottica di arricchimento culturale e sociale a disposizione di tutti.