Menu

TIM e i Dow Jones Sustainability Indexes

01/06/2018 - 09:30

- + Text size
Stampa
Per il quattordicesimo anno consecutivo TIM è presente nei Dow Jones Sustainability Indexes World (DJSI World) e Europe (DJSI Europe) di RobecoSAM, a testimonianza del nostro impegno concreto come azienda attenta alle tematiche di sostenibilità.

Alla conferma negli indici Dow Jones si aggiunge il riconoscimento nel Silver Class Sustainability Award di RobecoSAM.

Il Gruppo è stato anche confermato tra le aziende leader a livello mondiale per le performance di sostenibilità nei principali indici tra cui  FTSE4Good e Euronext Vigeo Eiris.

 

14 anni consecutivi di presenza TIM nei DJSI World e Europe

 

Oltre 100 le domande quali-quantitative del questionario Dow Jones


3 le tematiche investigate

1 - Come funziona il sistema di valutazione del Dow Jones

Le aziende vengono sottoposte ad una valutazione integrata su tematiche economiche, ambientali e sociali: oltre 100 domande quali-quantitative che sono differenti a seconda del settore industriale.
Aspetti economici:  la gestione dell’innovazione, la catena dei fornitori, le attività di risk management e naturalmente i codici e le policy aziendali. 
Ambiente: i sistemi di gestione ambientale, la strategia sul cambiamento climatico e la performance sui parametri ambientali (consumi energetici, emissioni, acqua, gestione rifiuti).
Sociale: sviluppo del capitale umano e di capacità di attrazione dei talenti, welfare e salute e sicurezza sul lavoro, digital inclusion o lo stakeholder engagement.

Ogni area ha un peso specifico in termini di punteggio finale.

2 – Quali sono gli aspetti più premiati dal Dow Jones

Per essere leader nel proprio settore industriale, o comunque per essere inclusa nell’indice mondiale ed europeo come lo è TIM da 14 anni consecutivi, è indispensabile per un’azienda avere una robusta strategia di sostenibilità di lungo periodo e una serie di iniziative con cui si concretizza la strategia.
La cosa fondamentale è strutturarsi per gestire al meglio tutte le tematiche investigate, cioè definire policy, perseguire dei programmi in linea con le policy e dotarsi di conseguenza di un sistema di monitoraggio e misurazione con indicatori ben precisi per i quali vengono definiti degli obiettivi.

3 – Perché è importante per una azienda posizionarsi negli indici Dow Jones World e Europe

Gli investitori socialmente responsabili sono portati ad includere nei loro ‘portfolio’ le aziende ammesse a indici di sostenibilità come il Dow Jones,e Euronext Vigeo Eiris o il FTSE4Good, o comunque a considerare questa informazione per le loro scelte di investimento.
In definitiva, essere riconosciuti come Industry Leader oppure essere inclusi negli indici contribuisce alla visibilità e alla reputazione di un’azienda.

4 – Le persone TIM coinvolte per rispondere al questionario Dow Jones

Questa attività viene svolta su due fronti:
1.   verso gli analisti di sostenibilitàvalorizzazione delle iniziative svolte dall’azienda sul fronte economico, sociale e ambientale;
2.   all’interno dell’aziendapromozione dell’automisurazione e del miglioramento aziendale mediante nuovi trend e spunti provenienti dall’esterno.
Le persone TIM coinvolte nella raccolta delle informazioni e nella definizione delle strategie di risposta per il Dow Jones sono più di 100 e appartengono a quasi tutte le direzioni aziendali: la vastità degli argomenti trattati, spesso molto diversi tra loro, fa si che ci sia un coinvolgimento quasi totale dell’azienda.

 

Più di 100 le persone TIM coinvolte annualmente per le informazioni e le strategie di risposta al questionario Dow Jones 

5 – Il Dow Jones per automisurarsi e migliorare

E’ importante per un’azienda affrontare una valutazione di sostenibilità non solo come un questionario per essere inclusi in un indice ma anche come un momento in cui misurare la propria focalizzazione sulle tematiche di sostenibilità, per comprendere se corrisponda a quanto ricercato e valutato dagli analisti specialistici di settore.
Questo confronto può essere il punto di partenza per individuare quali siano le proprie aree di miglioramento e lavorare per essere in linea con le migliori ‘pratiche’ a livello internazionale.