Menu

Dall'1 al 16 dicembre la campagna Telethon 2014

- + Text size
Stampa

Con una donazione al 45501 si può aiutare chi #ognigiorno combatte una malattia genetica rara.

Dopo 25 anni di  maratona televisiva, la campagna 2014 di  Fondazione Telethon “La nostra maratona è #ognigiorno” si focalizza sul  lavoro della Fondazione, sulle malattie genetiche e i loro  impatti sulla vita quotidiana delle famiglie, sullo studio dei ricercatori e sul sostegno di aziende partner e donatori.

Telecom Italia ha messo a disposizione, per la donazione, il numero 45501.

Fondazione Telethon, nata nel 1990 per iniziativa di un gruppo di pazienti affetti da distrofia muscolare,  è un ente senza scopo di lucro riconosciuto dal MIUR che sostiene la ricerca sulle malattie genetiche rare che, per la loro rarità, nella maggior parte dei casi, non hanno cure o terapie e sono spesso trascurate dai finanziamenti pubblici e privati. La sua missione è arrivare alla cura delle malattie genetiche rare grazie a una ricerca scientifica di eccellenza, selezionata secondo le migliori prassi condivise a livello internazionale.

Sin dalla nascita,  Telethon ha investito in ricerca oltre 423 milioni di euro, ha finanziato 2.532 progetti con 1.547 ricercatori coinvolti e 450 malattie studiate. Attualmente sono 400 i laboratori italiani impegnati nella realizzazione di progetti Telethon. Ad oggi sono oltre 9.800 le pubblicazioni su riviste scientifiche internazionali ottenute dai ricercatori Telethon.

La campagna 2014  “La nostra maratona è #ognigiorno”,  che si affianca all’iniziativa  #IOESISTO,  simbolo della missione Telethon, ruota intorno all’hashtag  #ognigiorno,  con la finalità di  attivare consapevolezza e conversazione intorno alla lotta quotidiana che tante persone combattono contro le malattie genetiche.

La donazione quindi è possibile con un sms o da telefono fisso, chiamando il   numero 45501.

Inoltre, si può anche usare l’hashtag #ognigiorno sia su Twitter che sulla pagina Facebook Telethon Italia, dedicandolo  a uno dei bambini che corrono la loro maratona quotidiana contro la malattie genetiche.