Menu

Bilancio ambientale
Strumento di gestione/comunicazione che descrive i rapporti tra l'organizzazione e l'ambiente valutando gli impatti ecologici delle attività commerciali.

 

Bilancio consolidato
Documento che espone la situazione patrimoniale-finanziaria, il risultato economico e le variazioni nei conti di patrimonio netto di un gruppo di imprese intese come un’unica entità economica. Deriva dall’aggregazione dei bilanci delle imprese facenti parte di un gruppo al netto dei valori relativi a rapporti interni al gruppo, ossia delle operazioni intragruppo.

 

Bilancio di sostenibilità
Strumento di gestione che riunisce gli approcci economico, sociale ed ambientale strutturandoli organicamente in ottica di riduzione dei disagi per le generazioni future. Il bilancio di sostenibilità si ispira all'approccio della Triple Bottom Line e quindi rende conto della sostenibilità economica (capacità di generare reddito, profitto e lavoro), della sostenibilità sociale (capacità di garantire condizioni di benessere e di crescita equamente distribuite e capacità di rispettare i diritti umani e dei lavoratori) e della sostenibilità ambientale (capacità di salvaguardare le risorse naturali e la possibilità dell'ecosistema di assorbire e tollerare gli impatti). Lo standard di riferimento sono le Linee Guida del GRI (Global Reporting Iniziative). Queste sono le sezioni previste dal GRI: 1. visione e strategia; 2. profilo dell'organizzazione e del report; 3. struttura di governo e sistema di management; 4. tavola dei contenuti (indice); 5. indicatori di performance: misure dell'impatto o dell'effetto dell'organizzazione suddivisa in indicatori economici (clienti, fornitori, risorse umane.... ), ambientali (materie prime, energia, acqua... ) e sociali (pratiche lavorative, diritti umani, società, responsabilità di prodotto... ) nella forma "categorie - aspetti - indicatori".


Bilancio sociale
E’ uno strumento di rendicontazione delle performance non finanziarie dell' impresa; è uno strumento di dialogo tra i vari stakeholders che contribuisce a creare l'identità aziendale ed a rafforzare la reputazione. I requisiti sono: neutralità, coerenza, inclusione, legame con il bilancio di esercizio. Deve contenere anche obiettivi per il futuro e risultati conseguiti (consuntivo e prospettico). Esistono diversi modelli. In particolare in Italia prevale il GBS (Gruppo di Studio per il Bilancio Sociale). Le sezioni principali del GBS sono: 1. L'identità aziendale, che implica l'esplicitazione dell'assetto istituzionale, della missione, dei valori etici di riferimento e del disegno strategico. 2. La produzione e distribuzione del valore aggiunto, che rappresenta il principale tramite di relazione con il bilancio di esercizio e che rende evidente l'effetto economico (o economicamente esprimibile) che l'attività d'azienda ha prodotto sulle principali categorie di stakeholder. 3. La relazione sociale, che espone sinteticamente i risultati ottenuti in relazione agli impegni, ai programmi e agli effetti sui singoli gruppi di stakeholder.


Buona Pratica (best practice)
Un'azione o un progetto che, per la metodologia di riferimento, per l'innovatività dell'approccio o per i risultati raggiunti, può essere considerata come esperienza di riferimento.