Menu

Socially Responsible Investing

30/03/2018 - 14:30

- + Text size
Stampa

Il Socially Responsible Investing (SRI) è una strategia di investimento finanziario che considera sia gli obiettivi reddituali degli investitori/risparmiatori sia l'impatto sociale che gli investimenti hanno sulla Comunità

Nel corso degli ultimi decenni i mercati finanziari si sono arricchiti di varie forme di Investimento Socialmente Responsabile (SRI), riconosciute come agili strumenti di investimento al punto che oggi il settore finanziario può contare su un crescente numero di fondi SRI.

Secondo uno studio di JPM's ESGQ pubblicato il 6 marzo 2018, “ESG - Environmental, Social & Governance Investing”, la dimensione del mercato globale SRI è stimata pari a 22,8 trillioni di dollari. Il 53% è gestito in Europa, il 38% negli Stati Uniti e meno del 10% nel resto del mondo.

Delle 7 strategie di investimento SRI(*) individuate da Eurosif e comunemente usate dagli asset manager per selezionare le imprese secondo criteri ambientali, sociali e di governance, il criterio Exclusions rappresenta il 36% del totale, Integration il 25%, Engagement il 20% e Norms-based screening solo il 15% realizzando complessivamente fino al 96% del gestito.

La richiesta di prodotti ETFs (Exchange-Traded Funds) a tema ESG è notevolmente aumentata negli ultimi anni. Gli asset gestiti tramite ETF socialmente responsabili sono approssimativamente 11 miliardi di dollari, distribuiti su circa 120 fondi a livello globale.

 

Venendo ai trend degli ultimi anni, l’edizione 2016 dell’ European SRI Study di Eurosif  registra una crescita a doppia cifra per tutte le strategie di sostenibilità nel biennio analizzato (da dicembre 2013 a dicembre 2015), con un incremento che va dal +30% per la strategia di Engagement al +385% per l’Impact Investing, con una particolare concentrazione su strumenti innovativi quali le obbligazioni verdi (Green Bond). Si rileva inoltre un aumento dell’interesse verso gli investimenti responsabili da parte degli investitori retail in Europa (+549% rispetto al 2013). 

Questa tendenza è confermata anche dal rapporto di Vigeo "Green, Social and Ethical Funds in Europe - 2016". Nonostante il calo del numero di fondi, il totale degli asset gestiti ha continuato a crescere (+ 16%) e nel 2016 ha raggiunto 158 miliardi di euro (vedi il grafico qui sotto).

 

 

(*) 1. Sustainability Themed; 2. Best-in-Class; 3. Norms-based screening; 4. Exclusions; 5. ESG Integration; 6. Engagement and Voting; 7. Impact Investing.

Il grafico mostra che dopo la significativa crescita del numero di fondi retail SRI nel 2015 (+ 26% a 1.204), il 2016 è stato un anno di consolidamento.

Alla fine di giugno 2016, i fondi green, sociali ed etici domiciliati in Europa erano 1.138 (il 5% in meno rispetto al giugno 2015). Francia, Regno Unito, Svizzera e Paesi Bassi hanno confermato la loro leadership, rappresentando il 68% del mercato europeo.

In totale, i fondi SRI costituiscono il 2% del mercato globale dei fondi di investimento europei, una percentuale più elevata rispetto al 2015 (1,7%).