Interconnessione IP: gli elementi di base

I modelli di interconnessione tradizionali sono basati su accordi di transito e peering (free oppure paid) e sulla terminazione del traffico in modalità best effort [8].

  • Il Transito IP è un servizio a pagamento fornito da un Operatore (transit provider), che garantisce l’accesso a qualunque indirizzo IP a livello mondiale attraverso la propria rete ed attraverso interconnessioni con altri Operatori.
    Tipicamente i Servizi di Transito sono acquistati da Operatori locali/regionali (i “Domestic Telcos”) per garantire ai propri Clienti finali la possibilità di accesso a qualunque Server/Terminale IP al mondo. Lo scambio di traffico tra i due Operatori che hanno una relazione dei Transito è tipicamente sbilanciato e l’Operatore che ha chiesto il transito, e che normalmente riceve più traffico di quanto ne invii, paga l’Operatore che vende il Servizio di Transito.
  • Il peering, è un accordo non oneroso (free peering) o con un costo (che è normalmente più basso del transito); solitamente si realizza tra pari (peers), cioè tra Operatori che hanno bacini di siti web e/o clienti sostanzialmente confrontabili e che trovano pertanto reciprocamente vantaggioso realizzare l’interconnessione;

  • Il peering consente di avere accesso agli indirizzi IP dei siti web e/o clienti dell’Operatore con cui si fa l’accordo. In genere lo scambio di dati tra i due Operatori è bilanciato, ma se si superano prefissate soglie di sbilanciamento l’Operatore, che invia più traffico paga la terminazione per il traffico oltre soglia. Il paid peering è un servizio a pagamento per terminare traffico su una rete (AS). In genere si utilizza per terminare traffico sui Clienti finali di un Operatore.

Una relazione di peering non è “transitiva”: attraverso un peering possono transitare solo pacchetti “provenienti e destinati” ad indirizzi IP appartenenti ai due AS interconnessi.
I pacchetti IP che vengono “ricevuti” da un AS attraverso un punto di interconnessione sono normalmente trasportati dall’AS in modalità “best effort”, ossia “al meglio”, compatibilmente con le condizioni puntuali del traffico e della rete; oltre al best effort esistono altre modalità di trasporto dei pacchetti: si parla di servizi gestiti (managed services, o servizi specializzati o servizi a priorità).
La realizzazione di uno specifico modello di interconnessione avviene mediante negoziazione fra i due soggetti direttamente coinvolti, il cui esito deve riflettere i rispettivi ruoli ed il valore che il traffico IP ha per ciascun soggetto.
Fra due AS ci possano essere allo stesso tempo un peering gratuito per flussi best-effort, ed un servizio a pagamento per un managed service con Qualità. Fra un Operatore di rete ed un OTT possono essere stabilite relazioni di peering gratuito oppure di paid peering, a seconda delle situazioni, e di quanto valore l’Operatore e l’OTT sono disposti a riconoscersi a vicenda.

 

Torna all'articolo