Uno standard per l’UHD TV

Nel settembre del 2012 il Digital Video Broadcasting Project (DVB)  ha rilevato l’esigenza di definire requisiti commerciali e in seguito specifiche tecniche per un profilo di TV broadcast Ultra HD che consentisse trasmissioni con risoluzione pari a 3840×2160 pixel (4K), denominate complessivamente UHD TV. Tale esigenza si è fatta più pressante con la comparsa sul mercato, nel corso del 2013, di display 4K prodotti dai maggiori manufacturer e con l'emergere della necessità da parte dei broadcaster di disporre di piattaforme interoperabili in grado di ricevere i futuri servizi UHD TV.
La specifica di riferimento pubblicata da ITU-R come Recommendation BT.2020, selezionata come base per i successivi lavori in DVB, si focalizza sulla definizione di color space, possibili risoluzioni spaziali e frame rate per l’Ultra HD. L’obiettivo delle attività in DVB è la definizione di uno o più profili  industriali che selezionino le migliori opzioni possibili per i servizi broadcast  Ultra HD e definiscano  altri elementi non considerati dalla specifica ITU-R, come la tecnologia di compressione video o i sistemi audio supportati.
Il gruppo CM-UHDTV di DVB, in collaborazione con l’European Broadcasting Union (EBU), ha deciso di procedere alla definizione di requisiti commerciali per due fasi distinte e successive.
L’UHDTV 4K, denominato anche UHD-1 di Fase 1, sarà compatibile con i ricevitori disponibili nel 2015/2016, utilizzerà la codifica HEVC e garantirà frame rate fino a 60Hz con color space Rec.709, lo stesso utilizzato per l’HD.  L’approvazione dei relativi requisiti commerciali è prevista per il primo trimestre del 2014, con l’obiettivo di sfruttare al meglio le piattaforme attualmente in fase di produzione e distribuzione da parte dei principali costruttori. In parallelo sono state avviate le attività per la definizione dei requisiti per l’UHD-1 di Fase 2, la cui disponibilità in termini di servizi e prodotti è prevista per il 2017/2018.
La Fase 2, sempre basata sulla codifica HEVC, dovrebbe includere ulteriori importanti caratteristiche quali frame rate elevati fino a 120 fps, tecnologie High Dynamic Range (HDR) per migliorare la resa di particolari scene con forti componenti luminose o scure, color space più ampio fino a BT.2020 e audio 3D.

 

Torna all'articolo