R

  • RA (Routing Area)
    Area nella quale è nota la posizione di un terminale ai fini di instaurare verso di esso una trasmissione a pacchetto
  • RA (crypto) (Registration Authority)
    Ente che verifica l’identità del richiedente del certificato digitale per la securizzazione di una connessione
  • RAN (Radio Access Network)
    Componente della rete radiomobile che comprende le stazioni radio e gli eventuali controllori delle stesse, consentendo l’accesso radio ai terminali d’utente
  • RAN (std) (Radio Access Network (std))
    Rete di Accesso Radio. In 3GPP è il gruppo responsabile delle specifiche tecniche dell’interfaccia radio e dei nodi di accesso radio
  • RAT (Radio Access Technology)
    È la tecnologia che permette agli utenti di una cella di accedere alla rete. TI ne utilizza tre GSM/GPRS/EDGE, UMTS/HSPA, LTE
  • RATI (Radio Access Technology Indicator)
    Indicatore del RAT
  • RCS (Rich Communication Service (Suite))
    È una iniziativa di vari Operatori per lo sviluppo di comunicazioni arricchite (RCS) in ambiente IMS. Le applicazioni di interesse sono: Enhanced Phonebook, Enhanced Messaging, Enriched Call
  • RE (Resource element)
    Nell’OFDMA è dato da una sottoportante (15 kHz) emessa per un tempo di simbolo (66.6 microsecondi)
  • Refarming
    Riassegnazione di Banda da una tecnologia ad un’altra per ragioni di ottimizzazione (esempi: UMTS900 in luogo del GSM900 oppure LTE1800 in luogo di GSM1800)
  • Relay
    Ripetitori intelligenti che consentono diverse possibilità di impiego insieme a flessibilità nel dispiegamento di rete
  • Remote
    Modulo trasmissivo che a partire dal segnale digitale ottico proveniente in fibra dal modulo principale Main genera il segnale a radio frequenza e lo adduce all’antenna (il viceversa avviene in ricezione)
  • Rendering
    In senso esteso indica la resa grafica; nella computer grafica identifica la generazione di un’immagine a partire da una sua descrizione matematica
  • Reporting
    Generazione di informazioni strutturate su dati rilevanti di servizio e di esercizio
  • Reselection
    È il processo, dopo la selezione di una cella e il camping sulla medesima, di selezione di una nuova cella. La scelta è sempre guidata da misure di intensità/qualità sui canali “beacon” delle celle immediatamente circostanti e indicazioni di priorità. Il processo è ripetitivo durante tutto il tempo di accensione del terminale
  • RF (Radio Frequency)
    Frequenza della portante radio intorno alla quale si localizza l’informazione da trasmettere attraverso il processo di modulazione (spettro a RF) che viene trasmessa/ricevuta dalle antenne. Nel radiomobile è dell’ordine di qualche GHz
  • RG (Residential Gateway)
    Modem-Router WiFi che connette la rete domestica con quella esterna
  • RNC (Radio Network Controller)
    Controllore 3G delle risorse radio con funzioni analoghe al BSC 2G
  • Roaming
    Letteralmente vagabondare. Funzionalità di affiliazione a una rete di un altro operatore su cui svolgere il servizio con lo stesso terminale
  • RP (RAT/Frequency Selection Priority)
    È la priorità che può essere assegnata dall’operatore ai RAT/ layer frequenziale che va tenuta in conto nel processo di cell selection e reselection
  • RRP (Radio Resource Pool)
    Combinazione di RAT, layer frequenziali, tipologie di cella utilizzabile per instaurare una chiamata. Una pluralità di radio resource pool costituisce una rete radiomobile eterogenea
  • RTMS (Radio Telefono Mobile di Seconda generazione)
    Introdotto nel 1984, operante a 450 MHz, è stato il primo sistema radiomobile cellulare con handover, funzionalità presente in tutte le successive generazioni di sistemi radiomobili
  • RTP (Real Time Transport protocol)
    Media impiegato per la voce e la videoconferenza in IMS
 

S

  • SAE (System Architecture Evolution)
    Denominazione equivalente a EPC (Evolved Packet Core) che identifica la core network LTE
  • SAE GW (System Architecture Evolution Gateway)
    Apparato della rete core LTE che si occupa del routing dei dati utente. Rappresenta l’ancora locale del traffico in rete di accesso e corrisponde, facendo un paragone con il sistema UMTS, all’elemento del piano utente dell’SGSN
  • SCC AS (Service Centralization and Continuity Application Server)
    Gestisce le funzioni di continuità del servizio in IMS
  • SCEP (Simple Certificate Enrolment Protocol)
    Protocollo per la gestione dei certificati digitali
  • Scheduler
    Entità che gestisce l’allocazione delle risorse alle varie sessioni. Per esempio supponendo di dover trasmettere due sessioni istanziate su terminali diversi, la risorsa radio può essere equamente condivisa (scheduler round robin), oppure assegnata prevalentemente al terminale che sperimenta una migliore qualità di canale e che quindi ha una aspettativa di throughput maggiore
  • SDH (Syncronous Digital Hierarchy)
    Gerarchia per il trasporto a circuito delle informazioni. La sincronicità permette di reperire facilmente un flusso tributario multiplato entro un flusso aggregato
  • SDMA (Space Division Multiple Access)
    Accesso Multiplo a Divisione di Spazio. Nelle trasmissioni radio viene così catalogata la trasmissione multiantenna quando, sagomando opportunamente il diagramma di irradiazione mediante il beamforming, si trasmettono sulle stesse risorse informazioni diverse verso utenti collocati in direzioni diverse
  • SDR (Software Defined Radio)
    Tecnica di realizzazione di vari standard trasmissivi su una stessa piattaforma mediante applicazioni software
  • Sec GW (Security Gateway)
    Apparato utilizzato come terminazione dei tunnel IPSec per la protezione del traffico (confidenzialità, autenticazione, integrità) crittografato verso e da l’eNB
  • Security
    Insieme delle procedure per garantire la sicurezza dell’informazioni, in termini di autenticazione delle entità che comunicano tra loro, integrità dei dati ricevuti (senza omissioni o alterazioni), confidenzialità (impossibilità di decodifica non autorizzata delle informazioni)
  • Segnalazione
    Informazione di supporto a una connessione. Ad esempio nella trasmissione a pacchetto il datagramma è composto da un campo segnalazione (header) in cui risiedono l’indirizzo di sorgente, quello di segnalazione, la qualità del servizio richiesta ecc., e da un campo in cui è contenuto il traffico dati da trasferire (payload)
  • Selection
    È il processo, a valle dell’accensione di scelta della prima cella da parte del terminale, cella attraverso cui avverrà la registrazione alla rete. La selezione avviene su base di livelli di segnale ricevuto dai canali di controllo faro beacon e indicazioni di priorità
  • Selettività
    Descrive la diversa attenuazione che un sistema esercita a varie frequenze, In particolare un filtro ha come funzione la selettività e la banda in cui attenuazione è trascurabile viene detta banda passante, quella dove è molto alta banda oscura. Ad esempio, per ridurre i disturbi, è importante che il segnale all’uscita dall’antenna attraversi un filtro con banda passante pari alla banda del segnale reiettando così i disturbi presenti in bande complementari a quella del segnale
  • Self Configuration
    Configurazione Assistita (letteralmente Auto Configurazione)
  • Self Healing
    Ripristino Assistito (letteralmente Auto Guarigione)
  • Self Optimization
    Ottimizzazione Assistita (letteralmente Auto Ottimizzazione)
  • Service Profiling
    Definizione del profilo di servizio (caratteristiche essenziali)
  • SET initiated
    Procedura di localizzazione iniziata da Mobile (handSET)
  • SFC (Space Frequency Coding)
    Modalità di funzionamento del MIMO che consente di migliorare il rapporto segnale interferenza in ricezione combinando repliche ricevute dello stesso segnale dopo che queste sono state trasmesse su antenne diverse dopo precodifica
  • SGSN (Serving GPRS Support Node)
    Gestisce, per la componente a pacchetto, la mobilità su macro aree dette Routing Area. Analogamente all’MSC, l’SGSN è coinvolto nelle procedure di accesso alla rete e ai servizi e per la tassazione nel dominio a pacchetto
  • SGU (Stadi di Gruppo Urbano)
    Sede di elemento di commutazione a circuito di rete fissa collegato agli stadi di linea; essendo un edificio ad uso sociale viene utilizzato per l’installazione degli elementi di rete
  • SGW (Serving Gateway)
    Gestisce lo User Plane. Si interfaccia alle reti IP esterne e quindi ha l’architettura di un router. Consente il trasferimento dati in mobilità
  • SIM (Subscriber Identity Module)
    Smart card che contiene i dati identificativi dell’utente e dati supplementari (ad esempio la rubrica)
  • SIMO (Single Input Multiple Output)
    Sistema di antenna costituito da due o più antenne in ricezione (RX Diversity) e una singola antenna in trasmissione
  • Single User
    Si riferisce a una prestazione, ad esempio il throughput, calcolata come se ci fosse un solo utente per cella
  • SINR (Signal over Interference plus Noise Ratio)
    Rapporto fra la potenza del segnale utile S e la somma (N+I) di quella del rumore N e dell’Interferenza I. Maggiore è il SINR maggiore è la qualità del canale radio; l’SINR è di largo uso nella tecnica radiomobile poiché il fattore limitante le prestazioni è sia l’interferenza, visto il largo riuso delle risorse radio, che il rumore
  • SIP (Session Initiation Protocol)
    Protocollo di segnalazione per il controllo di sessioni di comunicazione voce e video che impiegano il protocollo IP
  • SISO (Single Input Single Output)
    Sistema di antenne singole, una sulla stazione e una sul terminale. Viene utilizzato raramente nel radiomobile: solo in caso di impossibilità di installare due antenne riceventi in diversità nella stazione radio
  • Site Sharing
    Ci si riferisce non tanto alla coesistenza nel sito radio di tecnologie diverse ma di Operatori diversi
  • SL (Stadio di Linea)
    Sede di elemento di commutazione a circuito di rete fissa collegato agli utenti; essendo un edificio in uso sociale viene utilizzato per l’installazione degli elementi di rete
  • SLg (Interfaccia SLg)
    Interfaccia di positioning fra nodi GMLC e MME
  • SLh (Interfaccia SLh)
    Interfaccia di positioning fra nodi GMLC e HSS
  • Slot
    Letteralmente apertura. In frequenza si utilizza frequency slot per indicare un canale in frequenza in cui trasmettere, nel tempo si usa time slot per indicare uno spazio di tempo, che si ripete in maniera ciclica, in cui trasmettere
  • SLs (Interfaccia SLs)
    Interfaccia di positioning fra nodi E-SMLC e MME
  • SM (Spatial Multiplexing)
    Modalità di funzionamento nel MIMO che consente, in un canale scorrelato e per SINR sufficientemente elevati, di moltiplicare lacapacità per il numero delle antenne, inviando su ciascuna antenna in parallelo informazioni diverse
  • Smartphone
    Dispositivo mobile multimediale con possibilità di caricare applicazioni
  • SMLC (Serving Mobile Location Center)
    Nodo che effettua il calcolo della posizione interagendo con i nodi di rete
  • SMS (Short Message Service)
    Breve messaggio di testo trasportato dalla rete radiomobile. Servizio inizialmente fornito dal GSM e poi esteso a tutte le tecnologie di accesso radio e anche alla rete fissa
  • SNOW 3G
    Protocollo utilizzato nella rete 3G e LTE per la cifratura e integrità dei dati
  • SNR (Signal over Noise Ratio)
    Rapporto fra la potenza del segnale utile S e quella del rumore N. Maggiore è il SNR maggiore è la qualità del canale radio
  • SON (Self Organising Network)
    Rete che adatta i parametri a sua disposizione per il massimo della prestazione, supportando le scelte dell’Operatore
  • Sottobande
    Frazioni di banda che rappresentano il minimo slot in frequenza dell’OFDMA
  • Spectral Efficiency
    Indicatore di efficienza di trasmissione in una banda di frequenza assegnata. Il rapporto SE è dato da throughput/banda [(bit/s)/Hz]
  • Spettro
    Rappresentazione in frequenza di un segnale
  • SPID (Subscriber Profile Identifier)
    Identità del cliente che serve per gestire una QoS personalizzata secondo il profilo di servizio sottoscritto
  • SRMC (Servizio Radio Mobile di Comunicazione)
    Sistema Radiomobile Analogico semiautomatico (1973) operante a 160 MHz con celle molto grandi (40 km) senza handover
  • SRVCC (Single Radio Voice Call Continuity)
    Transizione in continuità da LTE (Voice over PS:Volte) a 2G/3G (Voice over CS) nel caso di assenza di copertura con Voice over PS. La ragione della denominazione SingleRadio è che la funzionalità è specificata per terminali con una solo ricetrasmettitore radio
  • Subscriber Profile ID
    È un’informazione (opzionale) che è memorizzata in core network e che può essere sfruttata per un trattamento selettivo degli utenti (esempio: fissare diverse priorità di RAT-frequenza per far accampare su celle diverse utenti diversi)
  • SUPL (Secure User Plane Protocol)
    Protocollo per il trasporto di informazioni di localizzazione sul piano di utente (user plane)
  • Switching
    Commutazione, su base segnalazione, di informazione da un ingresso a una uscita del nodo, l’istradamento è temporaneo