C

  • CA (Carrier Aggregation)
    Aggregazione di portanti anche su gamme di frequenza diverse per fruire della disponibilità totale di frequenza (p.e una banda totale di 20 MHz per LTE ottenuta attraverso 10 MHz @f1 MHz + 10 MHz@f2 MHz).
  • CA (Certification Authority)
    Entità fidata che si occupa del rilascio dei certificati digitali per la sicurezza.
  • Call Setup
    Operazione di attivazione della chiamata.
  • Camping
    Attestazione del terminale mobile su una cella (mettendosi quindi in ascolto dei relativi canali di controllo comuni trasmessi su un canale logico denominato Beacon) a valle delle procedure di selezione/riselezione di cella.
  • CAP (Capping)
    Riduzione delle prestazioni ad un utente che ha superato una certa soglia (contrattuale) di uso delle risorse. Ad esempio riduzione del throughput, per un tempo stabilito, al superamento di una soglia di volume di dati trasferiti.
  • CC (Call Control)
    Controllo della chiamata: processo che in una centrale di commutazione decodifica l’indirizzamento e instrada la chiamata da un punto di connessione a un altro.
  • CCSA (China Communications Standards Association)
    Ente di standardizzazione cinese
  • CDMA (Code Division Multiple Access)
    Accesso Multiplo a Divisione di Codice. I vari flussi informativi vengono trasmessi con la stessa frequenza e nello stesso tempo previa attribuzione di un codifica diversa per ogni informazione. La conoscenza di questi codici consente al ricevitore di discriminare le varie informazioni dalla loro somma. Allegoricamente si parla di traduzione reversibile dell’informazione in lingue diverse il più possibile dissimili e quindi “invisibili” tra loro. E’ il metodo di accesso di cella di Downlink e Uplink utilizzato in UMTS/HSPA.
  • Cella
    Area di copertura di una antenna in una gamma di frequenza. Le celle si classificano secondo l’entità della loro copertura: Macro Cella (1-30 km), Micro Cella ( 0,2-2 km), Pico Cella (20- 200 m), Femtocella (10 m). Le macro celle servono per garantire un’ampia copertura generale, mentre le altre per una copertura localizzata spesso in zone di alto traffico.
  • Cellulare
    Denominazione di una rete in cui la copertura del territorio è effettuata attraverso celle contigue rappresentate classicamente e simbolicamente da un esagono (TACS, GSM, UMTS, LTE). Per estensione viene detto cellulare il terminale di utente di una rete radiomobile cellulare.
  • CEM (Campi Elettromagnetici)
    Le onde elettromagnetiche sono il fenomeno fisico che supporta il trasferimento di energia dalla sorgente alla destinazione attraverso il fenomeno della propagazione. Nel caso delle trasmissioni questo fenomeno può avvenire in forma guidata attraverso cavi in rame e in fibra ottica, oppure in forma non guidata attraverso la radio.
  • Certificato Digitale
    File con una validità temporale limitata, rilasciato da un entità fidata (Certification Authority) che certifica l’associazione univoca tra una chiave pubblica e l’identità di un soggetto (persona, computer, ecc) che dichiara di utilizzarlo nell’ambito delle procedure di cifratura asimmetrica e/o autenticazione tramite firma digitale.
  • CID (Cell Identifier)
    Metodo di localizzazione basato sull’identificativo di quella cella che presenta un valore di segnale più alto rispetto alle altre.
  • CID+TA (Cell Identifier + Timing Advance)
    Metodo di localizzazione basato sull’identificativo di cella con valore di segnale più alto + il valore del Timing Advance (quest’ultimo è un parametro calcolato dalla rete che è proporzionale alla distanza del mobile dalla stazione radio base).
  • CM (Configuration Management)
    Gestione della configurazione di impianto (p.e. numero portanti, frequenza portanti, potenza portanti etc.).
  • CMP (Certification Management Protocol)
    Protocollo di gestione dei certificati, all’interno del quale ciascuna delle funzione di gestione è esplicitamente identificata da specifici scambi del protocollo.
  • CMPv2 (Certificate Management Protocol v2)
    Protocollo per la gestione dei certificati digitali.
  • CN (Core Network)
    La Core Network consente la connessione fra un terminale e un altro, attestati alla rete attraverso la rete di accesso attraverso la funzionalità di Commutazione che provvede l’istradamento, su base selezione, fra sorgente e destinazione.
  • CoMP (Coordinated Multi Point)
    Architettura radio in cui il segnale è emesso da molti punti trasmissivi geograficamente separati con una codifica che rende i segnali ricevuti combinabili, migliorando così il rapporto segnale interferenza (SNIR).
  • Connected
    È lo stato in cui si trova il terminale mobile quando ha una o più connessioni attive.
  • Copertura Cellulare
    Tecnica di copertura dell’area di servizio attraverso celle radio contigue.
  • Cositing
    Ci si riferisce non tanto alla coesistenza nel sito radio di Operatori diversi ma di tecnologie diverse.
  • Costellazione
    Nelle modulazioni di ampiezza (sia singole che in quadratura) e nelle modulazioni di fase si rappresentano i valori di ampiezza della componente in fase e in quadratura della portante su due assi ortogonali, tracciando un punto in corrispondenza di ogni possibile simbolo che trasporta un numero intero di bit (p.es.un simbolo ogni 4 bit nel 16-QAM, ogni 6 bit nel 64-QAM). La figura che ne risulta, per suggestione visiva, viene detta costellazione (p.es. 16 punti disposti su un reticolo quadrato per il 16-QAM).
  • Crittografia Asimmetrica
    Basata su due chiavi una pubblica e una privata segreta, fra loro in relazione. L’informazione viene crittografata con la chiave pubblica del destinatario ma solo questi può decifrarla con la chiave privata segreta.
  • Crittografia Simmetrica
    Basata su una chiave segreta che è la stessa per ogni coppia di interlocutori.
  • CRL (Certificate Revocation List)
    Archivio che contiene i certificati crittografici non più validi.
  • CRRM (Common Radio Resouce Management)
    Insieme delle azioni (algoritmi e procedure) che servono per controllare, in modo congiunto, le risorse radio di una rete di accesso radio eterogenea.
  • CS (Circuit Switching)
    Commutazione di circuito, instradamento dell’informazione da una sorgente a una destinazione con una connessione che è impegnata per tutta la durata della comunicazione e poi rilasciata.
  • CSCF (Call Session Control Function)
    Integra le funzionalità di accesso all’IMS, registrazione e controllo della sessione, conversione da numeri telefonici a URL.
  • CSFB (Circuit Switched Fall Back)
    Consente servizi a circuito su rete LTE che è soltanto a pacchetto IP. In questo caso si dirotta il servizio a circuito sulla rete a circuito 2G o 3G.
  • Customer Profiling
    Definizione del profilo di utente (es. abilitazione a certi servizi o meno).
 

D

  • Datagram
    Pacchetti costituenti le unità informative nelle reti a commutazione di pacchetto
  • dB (Decibel)
    Esprime in maniera logaritmica il rapporto fra due grandezze. Ad esempio detta Pi (W) la potenza di ingresso a un cavo coassiale di connessione (Feeder) fra il trasmettitore radio e l’antenna e Po (W) quella di uscita, l’attenuazione in dB è data da 10Log10 (Po/Pi); con log10 logaritmo in base 10.
  • dBm (Decibel rispetto al mW)
    Esprime in maniera logaritmica la potenza assoluta P in mW questa in dBm è data da 10log10 (P/1mW); con log10 logaritmo in base 10. Ad esempio se P è 1W allora 10log10 (1W/1mW) = 10log10(1000 mw/1mw) = 10log10(1000) = 10x3 = 30 dBm.
  • DC (Dual Carrier)
    Doppia Portante. In HSPA si tratta del servizio svolto su due portanti che, a seconda delle release, possono essere adiacenti, non adiacenti o su bande diverse con duplicazione della banda e quindi del throughput della singola portante (p.e. con il 64-QAM si ha in DC un throughput max single user di 2x21=42 Mbit/s).
  • DC (Direct Current)
    Letteralmente Corrente Diretta: una batteria fornisce una tensione con andamento costante che una volta applicata a un dispositivo utilizzatore fa circolare in questo una corrente anch’essa costante. Questo tipo di sorgente elettrica è detta DC e in italiano CC (Corrente Continua).
  • DC/AC inverter (Direct Current)
    Convertitore da Continua ad Alternata (Inverter) che garantisce la continuità di servizio nei momenti di assenza dell’alternata: p.e. dispositivo di continuità per un PC.
  • DD (Digital Divide
    Penalità (divide) nell’accesso ai servizi digitali a larga banda nelle aree decentrate (svantaggiate perché non redditive) rispetto a quelle a elevata concentrazione di clientela.
  • Deployment
    Dispiegamento
  • Device
    Letteralmente dispositivo: si intende l’apparato radiomobile di utente nelle sue varianti di forma.
  • Diagramma di radiazione
    Diagramma tridimensionale che definisce la direzionalità di una antenna nei confronti di una antenna di riferimento isotropica (omnidirezionale nelle tre direzioni dello spazio). Nella tecnica radiomobile sono sufficienti tipicamente la sezione verticale e quella orizzontale del diagramma di radiazione.
  • Digital Dividend
    Letteralmente “Dividendo Digitale”, banda resa disponibile (dividend) per i servizi radiomobili a seguito della digitalizzazione della TV analogica (in un canale televisivo analogico sono allocabili da 5 a 6 canali digitali).
  • Discovery Service
    Servizio per localizzare i terminali posizionati in prossimità del terminale d’utente, utile anche a fini di social networking.
  • Distorsione
    Mancanza di fedeltà nel trattamento di un segnale. Si distingue in distorsione lineare e non lineare. Nella prima iniettando all’ingresso un insieme di sinusoidi a frequenza diversa queste e solo queste vengono riproposte all’uscita con ampiezze diverse tra loro e/o ritardi diversi tra loro (distorsione di ampiezza e/o fase). Nella seconda più sinusoidi all’ingresso producono sinusoidi all’uscita a varie frequenze ottenute da combinazioni di addizioni e sottrazioni di multipli interi delle frequenze di ingresso.
  • DL (Downlink
  • Verso di trasmissione dalla stazione radio base al terminale (ricezione del terminale). La ragione della terminologia sta nel fatto che le antenne delle stazioni radio base sono generalmente in alto rispetto ai terminali di utente.
  • DM (Dual Mode
    Il termine identifica apparati/dispositivi in grado di operare su due tecnologie diverse (es. GSM e UMTS).
  • Dominio di Sicurezza (Dual Mode)
    Perimetro di rete considerabile “sicuro” sulla base di criteri quali ad esempio la sicurezza fisica e logica dei siti e delle connessioni.
  • Dongle
    “Chiavetta”, che costituisce il terminale di utente, da inserire nella porta USB del PC o del Tablet per permettere la connessione radiomobile.
  • DoS (Denial of Service)
  • Attacco informatico per rendere inutilizzabile un determinato servizio esposto su Internet o server, attraverso l’invio massiccio di richieste in modo da sovraccaricarlo e impedirgli di rispondere a ulteriori richieste.
  • Down Converter
    Dispositivo per la traslazione di uno spettro dalla frequenza in cui è posizionato a una frequenza più bassa. È utilizzato per la conversione da Radio Frequenza a Frequenza Intermedia.
  • Down Loading
    Scaricamento dati dalla rete.
  • DP (Double Polarization)
    I campi elettromagnetici emessi e ricevuti dalle antenne giacciono a sufficiente distanza dall’antenna (campo lontano) in piani sfalsati tra di loro, nella tecnica radiomobile un piano è a + 45° e l’altro a -45° rispetto alla verticale. Questo sfalsamento reciproco di 90° consente una apprezzabile diversità fra le emissioni che si può utilizzare in ricezione per migliorare la qualità del segnale combinato delle due polarizzazioni rispetto alla polarizzazione singola (ricezione in diversità).
  • DPI (Deep Packet Inspection)
    Analisi dei pacchetti trasportati da una rete dati per verificare se il pacchetto può essere trasferito, essere reinstradato verso un’altra destinazione o essere soggetto a una variazione dei parametri di trasferimento.
  • DR (Directed Retry)
    Procedura che, in fase di attivazione della chiamata e non appena instaurata la connessione di segnalazione con la cella corrente, permette di reindirizzare la chiamata verso un’altra cella senza rilasciare il collegamento di segnalazione.
  • DTMF (Dual Tone Multi Frequency)
    Conversione di caratteri in segnali sonori in banda fonica; p.e. ogni carattere della tastiera telefonica multifrequenza viene codificato in due toni.
  • DTX (Discontinuos Transmission)
    Modalità in cui si attiva il trasmettitore solo in presenza di informazione (circa il 50% della durata della conversazione nel caso della voce).
  • DVBT (Digital Video Broadcasting Television)
    Standard di diffusione TV digitale terrestre.