APPROFONDIMENTO

Seeds&Chips – The Global Food Innovation Summit

Seeds&Chips – The Global Food Innovation Summit
 

Grazie alla trasversalità di Seeds&Chips The Global Food Innovation Summit, che copre tutta la filiera dell’agroalimentare nella sua interezza - “dal campo alla tavola” - possiamo sicuramente dire di avere una visione decisamente allargata del grosso impatto che la tecnologia e l’innovazione stanno avendo sul cibo: su come lo si produce, su come lo si commercializza, su come lo si consuma. Si tratta quindi non solo di un settore vitale per l’uomo, ma del più grande settore economico del mondo, che occupa il 40% della forza lavoro globale e che vale più di 5mila miliardi di euro. E’, inoltre, il settore maggiormente correlato, in un rapporto di causa ed effetto, a salute e ambiente. Difesa dell’ambiente e food security devono infatti essere considerate un tutt’uno.
Lo sviluppo di Internet e in particolar modo dell’Internet of Things, integrato con numerose altre discipline, può consentire oggi di realizzare soluzioni inimmaginabili fino a poco tempo fa. Parlando di Agricoltura “Smart” l’innovazione si è canalizzata in aree come la Precision Agriculture, focalizzandosi su come produrre di più, con meno; meno risorse ma soprattutto meno fertilizzanti e soprattutto pesticidi; o nell’interessante  e promettente area della CEA (Controlled Environment Agriculture): idroponica, aeroponica e acquaponica, cioè la produzione di frutta e verdura senza l’utilizzo del suolo.
L’occasione per l’Italia non è solo collegata all’importanza del difendere e valorizzare uno degli asset fondamentali del Paese, l’agroalimentare, ma per l’opportunità unica e irripetibile di protrarre nel tempo ed allargare gli effetti di quello che, grazie ad Expo Milano 2015, l’Italia è stata per alcuni mesi: il centro del mondo in tutti i temi legati al food. Investire nella Food Innovation e quindi nell’eredità di Expo, potrebbe generare un potenziale incremento del Pil superiore all’1.5%.
Seeds&Chips opera proprio con questo primario obiettivo: portare in Italia il meglio dell’innovazione a livello globale nell’intero Food System a confrontarsi su quelli che saranno gli scenari futuri per l’umanità e creare nel nostro paese l’ecosistema dell’innovazione. Non è un caso che quest’anno, alla sua terza edizione, il Summit abbia visto un esponenziale aumento proprio legato al settore dell’agricoltura con startup e progetti provenienti da diversi Paesi: USA, Israele, Kenya, Australia, Grecia, Germania solo per citarne alcuni. Se è ovvio pensare che l’Italia quando si parla di cibo è credibile, dobbiamo tutti assieme credere che anche quando si parla di Food Innovation il nostro paese possa essere leader.

 

Marco Gualtieri

(Founder e Presidente Seeds & Chips)

 

Torna all'articolo