APPROFONDIMENTO

Smart Waste a Torino e Smart Bench a Firenze

 

OAL (Open Air Lab) è il nuovo laboratorio di TIM inaugurato il 3 Dicembre 2014 a Torino e dedicato a servizi e tecnologie innovative per la Smart City (video di presentazione [8]). Il cuore dell’OAL, oltre alle infrastrutture di Rete Mobile IoT, è costituito da una piattaforma IoT standard ETSI oneM2M (Machine to Machine) per la collezione e l’esposizione dei dati provenienti dai sensori verso i livelli applicativi. Le principali applicazioni presenti nell’OAL sono: Smart Utility e Smart Metering (Waste, Water and Gas management), mobilità elettrica intelligente, arredo urbano intelligente (smart bench e smart bus stop), videosorveglianza evoluta, smart lighting (gestione intelligente dell’illuminazione pubblica), sensori ambientali e smart agriculture.
Da Settembre 2015, l’OAL è dotato di una Control Room [9] che raggruppa la sala di controllo della città, della Protezione Civile, dei Vigili del Fuoco, della Polizia Municipale e le “sale di controllo” delle aziende municipalizzate che gestiscono le risorse cittadine [vedi figura].

 
 

La Control Room è dotata di dashboard ICT applicative, 3D e map based, per la gestione della Smart City. La piattaforma IoT OneM2M abilita l’Information Transparency, ovvero la capacità di creare un’immagine cibernetica, virtuale e aggiornata in real-time di quello che sta succedendo in città. Nella Control Room vengono fatti convergere dati provenienti da vari progetti di innovazione TIM di Smart City come: Torino Living Lab, Torino Almanac Smart City, Firenze Replicate Smart City [10], Livorno Smart Harbour e Torino e Milano Urbelog [11][12].
TIM sta svolgendo importanti sperimentazioni in campo in collaborazione con i Comuni di Torino e di Firenze e con le relative municipalizzate AMIAT e QUADRIFOGLIO sul tema Smart Waste. In particolare, i dati di carico/scarico dei camion e dei livelli di riempimento dei cassonetti nelle Isole Ecologiche permettono una programmazione ottimizzata delle rotte dei mezzi preposti agli svuotamenti e una gestione più efficiente della flotta autoveicoli. Le conseguenze sono significative in termini di risparmio costi, carburante e impatti sui livelli di inquinamento.
Sul tema Smart City è stata realizzata nel corso del 2016/17 una sperimentazione di una Piazza Smart in collaborazione con l’azienda Planet in Piazza Risorgimento a Torino che ha incluso i servizi Smart Light, Smart Waste, Smart Green e Orti Urbani e di Smart Parking gestiti dalla Control Room di Via Reiss-Romoli. Servizi analoghi sono in dispiegamento a Firenze nella zona di Santa Maria Novella e presso il Museo del Risorgimento, dove è stata recentemente installata e inaugurata una Smart Bench in occasione del Festival dei Bambini di Firenze (Maggio 2017). La Smart Bench misura il numero di persone che passano e/o si siedono, raccoglie informazioni tramite sensori ambientali embedded ed è dotata di accesso Wi-Fi a internet e di una stazione multimediale per fruire di contenuti tramite browser e/o direttamente dagli altoparlanti della panchina.

 

Torna all'articolo