APPROFONDIMENTO

Evoluzione dell’automazione in ottica 5G

 

L’introduzione della Network Automation – intesa come la possibilità di programmare la rete in modo da reagire tempestivamente a variazioni di requisiti cliente e operativi, pattern di traffico, topologia, ecc. – è un’esigenza ben nota ad operatori e service providers in virtù dei benefici che ne deriverebbero, quali la semplificazione e accelerazione dei processi di network creation, la riduzione del time to market (TTM), il raggiungimento di economie di scala, una maggiore efficienza operativa e l’ottimizzazione del total cost of ownership (TCO). A tal fine, non è pensabile prescindere da tecnologie emergenti quali SDN e NFV, universalmente riconosciute come abilitatori indispensabili per l’implementazione di un’infrastruttura multi-vendor automatizzata.
In ottica 5G, un tipico use case di automazione è rappresentato dal Network Slicing, ovvero la creazione e conseguente gestione di molteplici istanze logiche di rete, ottenute come partizionamenti auto-consistenti di una stessa infrastruttura fisica condivisa. Stando alle definizioni prodotte dagli enti di standardizzazione preposti, risultano evidenti i punti di contatto con l’entità Network Service definita in ambito ETSI NFV ISG [A]. Risulterà cruciale dunque il dispiegamento di un NFV orchestrator (NFVO) che sarà responsabile di automatizzare il ciclo di vita – instantiation, scaling, migration, update e termination – delle VNF che compongono la porzione virtualizzata di una Network Slice, opportunamente modellate tramite descrittori precaricati sull’NFVO stesso.
Dal punto di vista del supporto dell’automatizzazione nella creazione e gestione delle Network Slice poi SDN complementa il ruolo di NFV. SDN si focalizza sul controllo e sull’orchestrazione delle risorse, indipendentemente dal loro tipo e collocazione nell’architettura end-to-end della slice. Un sottoinsieme di queste potranno tipicamente essere fornite sotto forma di VNF. L’architettura SDN definita da ONF [B] interpreta il ruolo di controllore proprio come entità la cui funzione principale è quella di supportare l’astrazione e l’orchestrazione di opportune partizioni delle risorse dell’infrastruttura, offerte ai clienti, ovvero le applicazioni a cui sono associate le slice, abilitandone il controllo dinamico.

 

Torna all'articolo