Note

  1. Inizialmente disegnata per assicurare il “servizio pubblico universale”, in grado di affrontare gli aspetti socio-sanitari, integrando i poteri locali (Comuni) all’interno di un “dominio centrale”, si è passati, attraverso la regionalizzazione della Sanità e l’aziendalizzazione delle strutture organizzative e operative, ad diverso e maggiore livello di complessità.
  2. Confronta DLGS 19 giugno 1999, n. 229 "Norme per la razionalizzazione del SSN”; DPCM 14 febbraio 2001; Piano Sanitario Nazionale 2003 – 2005; Raccomandazione Sirchia 2004.
  3. Fare la cosa giusta al soggetto giusto, al momento giusto da parte dell’operatore giusto nella struttura giusta.
  4. I nodi della rete possono essere a loro volta una rete dedicata o specializzata che agisce su un ambito territoriale.
  5. Intese come dati con valore aggiunto.
  6. Modifiche al CAD (Codice dell’Amministrazione Digitale), l’istituzione dell’ AgID (Agenzia per l’Italia Digitale), i vari Decreti-Legge cosiddetti Balduzzi, Crescita, Fare, l’intervento di Spending Review, Regole tecniche in materia di generazione, apposizione e verifica delle firme elettroniche avanzate, qualificate e digitali.
  7. Iniziative, progetti e sistemi per la digitalizzazione della PA: SAC (Sistema di Accoglienza Centrale); SAR (Sistemi di Accoglienza Regionali); Certificazione Digitale di Malattia e Prescrizione Medica Elettronica; Cartella Clinica Digitale; FSE (Fascicolo Sanitario Elettronico) e l’infrastruttura centrale di interoperabilità dei FSE regionali; SPID (Sistema Pubblico per la gestione Identità); consolidamento dei Data Center delle PPAA; ANPR (Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente); DDU (Documento Digitale Unificato (DDU), Domicilio Digitale del Cittadino e la PEC (Posta Elettronica Certificata); incremento dei servizi in rete per Cittadini e Imprese; Pagamenti Elettronici; Firme elettroniche avanzate, qualificate e digitali; Conservazione digitale dei documenti
  8. Anche nella teoria sugli stati di evoluzione dei sistemi informativi (Gibson e Nolan) I dati sono centrali e nella fase di maturità sono il patrimonio fondamentale dell’azienda.
  9. Fonti: MRI (Medical Record Institute) e “Five Levels of patient data files”, da Waegemann 2002 e Blobel 2003.
  10. Informazioni personali (es. dati relativi al nucleo familiare), Informazioni relative all’attività sportiva e alla nutrizione, Informazioni relative a comportamenti abitudinari (es. fumo), file di documenti sanitari (es. referti di esami effettuati in strutture non convenzionate, referti archiviati in casa), diario degli eventi rilevanti (visite, esami diagnostici, misure dei parametri di monitoraggio), promemoria per i controlli Medici periodici.
  11. Aggiornato dalla Farmacia (vedi Conversione in Legge del DL69/13).
  12. Un chiosco sanitario è un chiosco che permette di effettuare in autonomia alcune misure biomedicali come il peso, la pressione, la massa grassa, l’altezza (esempi di chioschi sanitari sono: Millenium M5 di Davi& CIA, Paramon di Life Clinic, KioskCom di Bodyspex.com
  13. Terminali conformi alle specifiche emesse dalla Continua Health Alliance
  14. Progetto sperimentale
  15. Programma Operativo Nazionale Ricerca e Competitività 2007 – - Decreto MIUR del 2/3/2012:  “Smart Cities and Communities and Social Innovation”  - Asse II: “Sostegno all’Innovazione - Obiettivo Operativo: Azioni integrate per lo sviluppo sostenibile e per lo sviluppo della società dell’informazione - Azione di ricerca
  16. Programma Operativo Nazionale Ricerca e Competitività 2007–2013 - Decreto Direttoriale prot. N.1/Ric del 18 gennaio 2010 - Regioni di convergenza Asse 1: “Sostegno ai mutamenti strutturali Obiettivo Operativo: Aree scientifico-tecnologiche generatrici di processi di trasformazione del sistema produttivo e creatrici di nuovi settori.
    Azione: Interventi di sostegno della ricerca industriale”
 

Torna all'articolo