Telecom Italia alla Future Internet Assembly Telecom Italia alla Future Internet Assembly

Telecom Italia alla Future Internet Assembly

- + Text size
Stampa

Dal 18 al 20 marzo 2014 si è svolto ad Atene la Future Internet Assembly, un evento organizzato dalla Comunità Europea, al quale hanno partecipato rappresentanti dell’industria, del mondo accademico e delle istituzioni, attivi nei progetti europei sull’Internet del futuro.

La Plenaria di apertura del 19 marzo ha avuto come focus l’innovazione in scenari di rete e servizi basati su Software Defined Network (SDN) and Network Function Virtualization (NFV). Telecom Italia è stata invitata dalla Comunità Europea a fare una presentazione sulle principali direzioni di ricerca e sviluppo riguardanti SDN e NFV, e sulle reali potenzialità di innovazione di questi paradigmi di rete e servizi.

La presentazione ha illustrato come SDN e NFV, per quanto considerati due complementari ed emergenti paradigmi di rete e servizi, siano in realtà espressioni di un più profondo fenomeno, di natura sistemica, chiamato “softwarizzazione” dell’industria delle Telecomunicazioni. I principali driver di questo fenomeno sono l’aumento delle prestazioni dei sistemi hardware general purpose, l’abbattimento dei costi e una sempre più diffusa adozione di Open Source Software. Una profonda trasformazione, che per altro sta investendo tutta l’industria in generale, non solo quella delle Telecomunicazioni, che determinerà l’emergere di nuovi modelli economici (basati sullo spostamento della competizione dai sistemihardware ai sistemi software) e sull’utilizzo sempre più diffuso e pervasivo dell’ICT nelle attività e nei processi della società.

La Plenaria si è conclusa con una tavola rotonda con la partecipazione di Ericsson, NSN e Telecom Italia, presieduta da Mario Campolargo, Direttore della Comunità Europea per “Net Futures” in DG-­CONNECT, il cui dibattito si è focalizzato su alcune domande chiave, quali ad esempio: scenari e trend industriali per SDN e NFV, maturità delle soluzioni tecnologiche oggi disponibili, impatto dal punto di vista socio-tecnico-economico ed opportunità di sviluppo per le Imprese in Europa. Anche in questo, il significativo contributo portato alla discussione da Telecom Italia ha evidenziato la vitalità delle attività di ricerca e sviluppo in questo promettente settore.

Antonio Manzalini  -  antonio.manzalini@telecomitalia.it