Mestiere mamma: le app per sopravvivere Mestiere mamma: le app per sopravvivere

Mestiere mamma: le app per sopravvivere

Mamme smart, a voi la scelta!

- + Text size
Stampa

I device  tecnologici si stanno diffondendo sempre di più nella vita quotidiana di tutti, anche delle mamme che sempre più usano tablet, smartphone e app per trovare consigli e utili soluzioni ai problemi di tutti i giorni.

Secondo una recente indagine il 68% delle donne con figli tra 0 e 5 anni possiede uno smartphone, il40 % utilizza i Social Network per condividere immagini e video e più del 50% usa la tecnologia per gestire la vita familiare, trovare offerte vantaggiose o gestire il bilancio della famiglia.

Essere mamma vuol dire avere, in alcuni casi, un doppio lavoro: la famiglia da gestire e la vita professionale. Spesso ci si trova ad avere troppo poco tempo a disposizione per controllare le offerte al supermercato, oppure non si ha tempo per andare in palestra. Le neo mamme, o le future mamme, hannomille dubbi e preoccupazioni per il bimbo che arriverà e sono curiose di scoprire curiosità da chi ha già affrontato la fase pannolini-pappe & co.

Per dare un attimo di sollievo e di respiro, basta cercare sul web per trovare centinaia di app create ad hoc per le esigenze e i bisogni della categoria “mamma”: dalla mamma lavoratrice alla mamma sportiva, ad ognuno la sua app personalizzabile e sherabile con tutte le altre mom.

E tu? Scopri che tipo di mamma sei!

Ad ognuno la sua app

…e per chi cerca una baby sitter

È capitato a tutti di sentire la domanda “conosci una baby sitter?” oppure “mi daresti il numero della tua baby sitter?”. Molte volte le mamme, quando devono affidare il loro bimbo ad una baby sitter, preferiscono farlo con persone che già conoscono o che hanno referenze valide. Capita però che non sempre la persona cercata possa essere disponibile. Per risolvere questo problema arriva in soccorso la startup  Le Cicogne.

Le Cicogne è un sistema semplice e veloce che permette di far incontrare domanda ed offerta di tutti quei servizi legati al mondo dell'infanzia.

Tramite il portale i genitori possono esser contattati da giovani tra i 18 ed i 28 anni, precedentemente formati e certificati, a cui affidarsi per servizi di babysitting, babytaxi e babyteaching. Le Cicogne ad oggi opera su Roma, ma presto il servizio sarà allargato ad altre città italiane. Il portale, oltre a rispondere alle esigenze dei genitori italiani, ha permesso ad oltre 400 ragazzi di trovare lavoro presso famiglie in cerca di assistenza, e fornisce educatori qualificati.

Per maggiori informazioni visita il sito.

Non resta che augurare Tanti auguri a tutte le mamme…geek e non geek!