Working Capital Working Capital

Startup, quando un'idea diventa concreta!

- + Text size
Stampa

Sempre più spesso si fa riferimento alle startup quando ci si riferisce a sviluppo tecnologico, innovazione e talento. Ma cosa è una startup e qual è il percorso per diventare impresa?

Quando ci si riferisce a crescita sostenibile, talento, sviluppo tecnologico e innovativo, si sente parlare sempre più spesso di startup.

Con il termine startup si intende un'azienda nella sua fase embrionale, con grossi potenziali e piani di crescita molto rapidi, che non è possibile finanziare con capitali tradizionali. A causa di entrate incerte e costi iniziali elevati, la maggior parte delle startup non sono sostenibili nel breve periodo se non attraverso fonti di finanziamento dedicate.

Come si possono trovare i finanziamenti?

Una volta stabilito quanto capitale è necessario e definito un piano di crescita, lo step successivo e cruciale  per una startup è il fundraising, ossia la ricerca di capitale. Il capitale a supporto di una startup può provenire da diverse fonti:

  • persone fisiche e business angel che investono direttamente nel capitale della startup, grazie anche alle agevolazioni previste dalla legge
  • crowdfunding, la possibilità di raccogliere capitale attraverso portali online. È una modalità nuova che permette alle startup di trovare sul web capitali da investire, talvolta in cambio di equity del progetto da finanziare
  • finanziamenti ordinari offerti da banche, istituti di credito, società finanziarie: in questo caso si possono chiedere prestiti a medio o lungo termine, partecipando  a programmi specifici previsti da alcuni istituti
  • contributi a fondo perduto, finanziamenti agevolati o altre facilitazioni previste da numerose leggi nazionali ed internazionali
  • bonus fiscali o crediti d’impresa
  • venture capital, risorse finanziarie messe a disposizione  dai fondi di investimento a favore delle  startup con un potenziale di crescita percepita a lungo termine. Questa è una fonte molto importante di finanziamento per le startup che non hanno accesso ai mercati dei capitali. Si tratta in genere di operazioni ad alto rischio per l'investitore, che possono offrire in cambio rendimenti superiori alla media

Per ottenere le agevolazioni pubbliche è necessario dimostrare la validità e l’efficacia della propria idea imprenditoriale, presentando agli enti coinvolti un progetto d’impresa della propria proposta. In alternativa è possibile rivolgersi ad associazioni di categoria, ai BIC (Business Innovation Center) e agli incubatori previsti nella propria Regione. 

Cosa sono gli acceleratori?

Assumono crescente importanza  programmi e iniziative ad hoc portate avanti da soggetti privati nonché gli acceleratori.

Gli acceleratori sono luoghi in cui le startup vengono formate e fatte crescere perché possano lanciare i propri prodotti o servizi sul mercato già con un buon livello di maturità. Obiettivo principale dei mentor che operano negli acceleratori è aiutare i team ad affrontare  tutte le difficoltà organizzative, operative e strategiche che si manifestano nel progetto, supportarli nella realizzazione di una prima versione della business idea e accrescere il livello di preparazione imprenditoriale attraverso un programma interno di attività di formazione e affiancamento a professionisti e imprenditori.

Ma gli acceleratori sono anche spazi di networking e di condivisione della conoscenza, dove grazie al confronto con esperti del settore, allo scambio di idee e competenze con altri imprenditori è possibile trovare le condizioni ottimali per far crescere e sviluppare un progetto imprenditoriale.