ultrabroadband fisso ultrabroadband fisso

Ultrainternet a casa tua

Le tecnologie FTTCab e FTTH per una casa ultra-connessa

- + Text size
Stampa

La rete in fibra ottica di nuova generazione Next Generation Access Network (NGAN) è uno dei punti di eccellenza di Telecom Italia, che oggi ci permette di scaricare e inviare dati più velocemente rispetto alle tecnologie precedenti.

Il risultato? Le prestazioni della nostra connessione fissa migliorano sensibilmente: una velocità maggiore nel download e nell'upload di dati, la possibilità di collegarsi con diversi dispositivi in contemporanea senza incidere sulla qualità della connessione.

La soluzione tecnica che permette di portare nelle case degli italiani servizi di ultrabroadband si chiama FTTCab (Fiber To The Cabinet, cioè un cavo di fibra ottica che si collega a un armadietto, e di lì alla centrale da cui parte il segnale).

Per i clienti costituisce una soluzione molto semplice da utilizzare perché si basa appunto sul Modem Fibra, cui vengono collegati i telefoni di casa e tutti i dispositivi per navigare su Internet come PC, tablet, smartphone e Smart TV, consentendo anche chiamate voce VoIP (Voice over IP, ovvero trasmessa attraverso la rete).

Le meraviglie della fibra ottica

Lo sviluppo e la diffusione della fibra ottica è una scelta strategica per Telecom Italia, che diventa così sempre più protagonista nel processo di sviluppo di abitazioni e imprese "digitali" e connesse, offrendo un pacchetto di soluzioni sempre più grande, ricco di applicazioni in tempo reale e contenuti multimediali in alta definizione.

Nell’ambito delle recenti sperimentazioni nel campo, è stato possibile raggiungere velocità dell’ordine dei 50 Mbits/s in downstream e di oltre 10 Mbits/s in upstream attraverso accessi FTTCab.

A livelli standard, la fibra ottica offre una velocità di trasmissione di 30 Mbits/s in download e 3 Mbits/s in upload garantiti.  Inoltre, la FTTCab consente l’utilizzo in contemporanea di numerose attività online da parte di più utenti. Qualche esempio? Permette nello stesso momento di giocare in modalità multiplayer con prestazioni elevate, guardare video in streaming in Full HD senza attese o interruzioni, condividere contenuti come foto, video e musica in maniera immediata, su tutti i device di casa.

Banda larga ancora più veloce con FTTCab e FTTH

Ma cos’è concretamente la FTTCab su cui la distribuzione della fibra ottica si basa?

È un'architettura di rete di nuova generazione, ovvero una vera e propria struttura che porta la fibra ottica fino al cosiddetto cabinet, cioè l’armadio stradale, che dista - in media - 500 metri dalle abitazioni.

A questo punto il resto, ovvero il collegamento dal cabinet ai clienti finali, è praticamente già cosa fatta, e può essere effettuato tramite il classico cavo in rame.

I vantaggi di questa soluzione sono numerosi:

  • maggiore velocità di realizzazione dell’infrastruttura;
  • minori disagi per i cittadini;
  • costi inferiori rispetto ad altre soluzioni tecnologiche.

Si tratta della soluzione tecnologica d'eccellenza a livello europeo, come dimostra il fatto che sia in fase di adozione da parte della maggioranza degli operatori di telecomunicazioni europei, in Germania, Francia, Gran Bretagna, Svizzera.

A Milano, la tecnologia FTTCab è affiancata dalla tecnologia FTTH (Fiber To The Home), che permetterà di portare la fibra ottica presso abitazioni e uffici con collegamenti fino a 100 Mbits/s in download e di 10 Mbits/s in upload.

Entro il 2016, le città raggiunte saranno circa 600, con una copertura di circa 12,4 milioni di unità immobiliari.

L'impegno di Telecom Italia

Con questo progetto Telecom Italia si pone come motore del forte impulso al programma nazionale di sviluppo dell’infrastruttura a ultrabroadband o ultrainternet.

Entro il 2015 verranno avviati i lavori per la posa della fibra in 125 città italiane, per una copertura di circa 8 milioni di unità immobiliari corrispondenti al 35% della popolazione. In questa prima fase la velocità di connessione sarà fino a 30 Mbits/s, in linea con quanto previsto dall’Agenda Digitale europea, che indica l’obiettivo di rendere disponibile tale capacità di connessione per il 100% della popolazione entro il 2020, e con l'Agenda Digitale Italia, con l'obiettivo di contribuire in modo concreto ad accelerare il processo di crescita e di digitalizzazione delle aziende italiane per il rilancio dell’economia del Paese.