Furti di rame, migliora la situazione  Furti di rame, migliora la situazione

Furti di rame, migliora la situazione

Stampa
- + Text size

Internet non funziona. All’Ufficio Postale non si possono pagare i conti correnti. Al supermercato e nei negozi non si può usare il Bancomat o la carta di credito.
Sono solo alcuni dei disservizi dovuti al furto dei cavi in rame, un fenomeno criminale che interessa non solo  TIM ma anche Enel e Ferrovie dello Stato, e di cui purtroppo i giornali parlano da qualche anno.
Oggi molte delle attività che svolgiamo quotidianamente utilizzano la linea telefonica quindi un guasto o un disservizio sulla rete di telecomunicazione può arrivare a creare seri problemi a tutti noi.

In diminuzione i furti di rame

Ma la buona notizia è che dal 2011 ad oggi i furti di rame sono fortemente diminuiti: per quanto riguarda TIM, ad esempio, siamo  passati dai 3.471 eventi del 2011 ai 472 eventi del 2016. E nel primo semestre del 2017 abbiamo registrato solo 197 furti.

Questo è stato possibile anche grazie all’azione e alle iniziative dell’Osservatorio Nazionale sui furti di rame, istituito a febbraio 2012 dal Ministero dell’Interno (Dipartimento della Pubblica Sicurezza – Direzione Centrale della Polizia Criminale). L’Osservatorio, che vede TIM impegnata insieme agli altri gestori di telecomunicazioni, aziende di energia e trasporto e alle Forze di  Polizia,  è nato appunto con l’obiettivo di
·         analizzare, monitorare e valutare complessivamente il fenomeno dei furti a danno dei servizi essenziali al Sistema-Paese;
·         proporre strategie di prevenzione e contrasto;
·         promuovere iniziative per diffondere la conoscenza del fenomeno criminale e dei suoi impatti negativi.

Ed è proprio la collaborazione con l'Osservatorio e con le Forze di Polizia che permette di contrastare questo fenomeno, ottenendo buoni risultati: è di pochi giorni fa la notizia, appunto, di un tentativo di furto di cavi in rame a Siracusa, sventato grazie all'intervento del comando provinciale dei Carabinieri. Nel corso di questa operazione i Carabinieri hanno colto i malviventi in flagranza di reato, rinvenendo centinaia di chili di cavi in rame che erano stati rubati.
Essendo stati informati tempestivamente, abbiamo potuto ripristinare le linee in poche ore, così da limitare il disagio dei nostri clienti.