Il Futuro della Rete è nella virtualizzazione Il Futuro della Rete è nella virtualizzazione

Il Futuro della Rete è nella virtualizzazione

La Network Functions Virtualization 

- + Text size
Stampa

Si chiama Network Functions Virtualization ed è la tecnologia che rivoluziona l'architettura delle reti facendo leva sul paradigma cloud.

La virtualizzazione non è certo una novità, basti pensare ai numerosi servizi in cloud o alla crescente necessità di accedere alle informazioni sempre e ovunque. Eppure  con l’NFV si è fatto un ulteriore passo in avanti; se all’inizio la virtualizzazione riguardava solo i server per estendersi poi allo storage, oggi la virtualizzazione coinvolge anche le funzioni di rete. In poche parole questo processo introduce un cambio di paradigma nel modo in cui sono realizzate le reti di telecomunicazioni, rendendo il software indipendente e libero dall’hardware. 

Questa “rivoluzione” promette quindi degli sviluppi interessanti soprattutto per le aziende di Telecomunicazioni perchè rende decisamente più veloce la fornitura di applicazioni e servizi ai clienti. Per questo è stato avviato il progetto internazionale e opensource OpenPlatform for NFV, un programma completo di Network Functions Virtualization studiato per aiutare il settore delle telecomunicazioni ad accelerare l’innovazione e a introdurre nuovi servizi in maniera ancora più semplice, veloce ed economica. Il progetto vede la partecipazione, in qualità di founding member, di 40 soggetti (operatori, vendor tradizionali, fornitori di tecnologie hardware, software e del mondo cloud), tra cui anche Telecom Italia.

Per fare chiarezza su questo tema e capire cosa Telecom Italia sta sperimentando nel suo laboratorio JOLNet, abbiamo fatto quattro chiacchere con Mario Bonnet, responsabile NFV area di Telecom Italia Lab.

A voi l’intervista!