Netbook: i numeri della Rete Netbook: i numeri della Rete

Netbook: i numeri della Rete

- + Text size
Stampa

Netbook: di cosa si tratta?

Il Netbook è una riproduzione della più grande e capillare infrastruttura di telecomunicazioni del nostro Paese: la rete TIM.
In queste pagine troverete i dati aggiornati a giugno 2016, su file excel, e l'edizione annuale 2015, in formato pdf interattivo.
La pubblicazione vuole evidenziare gli aspetti fondamentali dell’evoluzione delle Rete, offrendone due chiavi di lettura: una visione d’insieme e una  granulare, per regione e provincia.  Inoltre è stata aggiunta la modalità ’“open data” per garantire un’accessibilità totale alle informazioni e dare a tutte le persone interessate la possibilità di analizzarle in modi diversi. Per esempio mettere a confronto le aree geografiche o scegliere una lettura temporale, cioè seguire l’evoluzione nel tempo degli indicatori in una stessa zona, utile anche ad evidenziare la portata delle iniziative di investimento a livello locale per il potenziamento delle infrastrutture.
Le prime edizioni del Netbook hanno descritto caratteristiche e  trend evolutivo annuale delle due principali reti fisse di telecomunicazioni: la rete telefonica “di base” e la rete per i servizi di accesso ad Internet a banda larga.
In questa edizione il focus si è spostato verso l'infrastruttutura in banda larga con l'inserimento dei dati sulle reti di nuova generazione la cui estensione rappresenta il nostro obiettivo  dei prossimi anni: la copertura in banda ultra-larga fissa (NGAN – Next Generation Access Network) e quella mobile (LTE – Long Term Evolution). L’analisi riporta la consistenza e le performance della rete fissa a banda larga e ultra-larga in numero di  apparati e livello di copertura della popolazione, e della rete mobile LTE,  con i numeri dei comuni coperti.

Perchè il Netbook

Quello delle telecomunicazioni è un settore dinamico, grazie al continuo sviluppo delle tecnologie ma allo stesso tempo con una storia centenaria alle spalle. Per comprenderlo a fondo è importante capirne e analizzarne i singoli processi produttivi, le fasi di lavorazioni intermedie e le risorse impiegate.
Nel corso degli anni Telecom Italia ha realizzato la rete telefonica, l’ha trasformata in rete a banda larga e adesso sta affrontando la terza grande sfida quella  che apre le porte del terzo millennio: lo sviluppo delle reti a banda ultra-larga, con uno sforzo che impegna quotidianamente moltissime risorse.
Il Netbook può essere uno strumento atto a monitorare in modo capillare e meticoloso lo “stato di avanzamento lavori” e i progressi in corso. Ma  non è una pubblicazione solo per tecnici e addetti ai lavori,  perché vuole rivolgersi anche  ad un pubblico più ampio,  per informare con trasparenza, chiarezza e precisione i progetti  per le istituzioni e i cittadini, e a sostegno dei nuovi obiettivi fissati dell’Unione Europea per realizzare il Digital Single Market.
Ma c’è di più. Se ci pensiamo bene telefonare, navigare in Internet, chattare, condividere foto e video sui Social Network sono, oggi, per molti di noi, azioni scontate e quotidiane. Siamo connessi 24 ore su 24, 365 giorni l’anno, e non c’è aspetto della nostra vita che non sia toccato dalla comunicazione digitale. Ma ci siamo mai chiesti come tutto questo sia possibile?  La spontaneità e l’immediatezza con cui facciamo un tweet, o una chiamata, ci fanno pensare che si tratti di azioni scontate.
Questo perché non vediamo con i nostri occhi cosa ci sia dietro questa costante comunicazione e chi la renda possibile. Sono 30.000 persone,le donne e gli uomini della Rete. Sono ingegneri e tecnici, sono esperti nel campo delle telecomunicazioni, ma sono soprattutto persone che quotidianamente si impegnano con il loro lavoro, dietro le quinte, per fare in modo che un simile “spettacolo” possa andare in scena.
Il Netbook  racconta, con i numeri, la storia della  infrastruttura di rete, è dunque un volume che può essere d’aiuto anche ai cittadini che desiderino capire cosa ci sia dietro le proprie azioni quotidiane.