Tutti i dati della Regione Piemonte riuniti in un’unica piattaforma online Tutti i dati della Regione Piemonte riuniti in un’unica piattaforma online

Tutti i dati della Regione Piemonte riuniti in un’unica piattaforma online

Si chiama YUCCA e dispone già di quasi 7 milioni di preziose informazioni

- + Text size
Stampa

È il primo sistema al mondo, almeno per quanto concerne una PA, che riunisce in una sola piattaforma progetti riguardanti l’Internet of Things e gli Open Data. La finalità è permettere alle aziende piemontesi di crescere economicamente sfruttando i cosiddetti Big Data.

L’ecosistema digitale della Regione Piemonte si è recentemente arricchito di un nuovo e fondamentale strumento: YUCCA, una piattaforma cloud ideata per favorire la crescita economica delle aziende piemontesi attraverso l’utilizzo di Big Data.

Unire Internet of Things e Internet of Data

YUCCA è stato sviluppato dal Consorzio per il Sistema Informativo (CSI) per conto della Regione Piemonte. Allo strumento è possibile accedere attraverso il portale SmartDataNet che combina Dati.Piemonte, primo portale Open Data italiano lanciato nel 2010 (Internet of Data o IoD), e IoTNET.it, progetto sperimentale per lo sviluppo dell’Internet of Things (IoT). L’amministrazione regionale piemontese è la prima Pubblica Amministrazione, a livello mondiale, che ha attivato uno spazio digitale dove si uniscono IoD e IoT. Gli altri esempi di strumenti simili sono interamente gestiti da privati.

23 progetti che monitorano Ambiente, Energia, Salute, Sicurezza, Smart Communities e Trasporti

La realizzazione di YUCCA ha preso il via circa un anno, con la raccolta di dati, effettuata da 23 progetti finanziati con fondi europei, per arricchire il database della piattaforma. Sei gli ambiti di ricerca: Ambiente, Energia, Salute, Sicurezza, Smart Communities e Trasporti. Alcune iniziative stanno monitorando il trasporto pubblico locale, altre gli ospedali e le case di cura, altre ancora i consumi energetici degli edifici pubblici. Queste ricerche sono state inserite all’interno di YUCCA e tra poco saranno a disposizione di aziende e privati che potranno utilizzarle in ottica business.

Sono quasi 7 milioni i dati raccolti fino ad oggi

YUCCA offre molte funzioni. I dati possono essere analizzati, scaricati ed elaborati per sviluppare nuove soluzioni in ambito IoT. Oppure le stesse aziende possono condividere pubblicamente le proprie informazioni, tutte o una singola parte, al fine di realizzare nuovi data set. Per ora solo i 23 progetti “originari” possono accedere alla piattaforma, scaricabile anche in modalità software, ma il sistema sarà “aperto” quanto prima a tutti i soggetti interessati. La piattaforma già contiene 6.878.433 di dati. Al momento sono 200 gli edifici monitorati per il calcolo dei consumi energetici, 250 i sensori impiegati nel controllo dei dati ambientali, 15.000 i veicoli monitorati in tempo reale ogni giorno e 80 i pazienti coinvolti in progetti per il controllo dello stato di salute.