Trentamila droni nei cieli del mondo entro tre anni Trentamila droni nei cieli del mondo entro tre anni

Trentamila droni nei cieli del mondo entro tre anni

- + Text size
Stampa

Una stima ritenuta bassa da molti analisti. Intanto un intero padiglione del CES è stato dedicato agli APR.

Un numero crescente d’investitori privati crede in questa tecnologia, anche se fino ad oggi i progetti hanno trovato felice sponda solo nel crowdfunding, come Zano, il drone per farsi i selfie. GoPro sembra pronta a produrre in proprio il suo primo modello e ha sbancare il mercato.

Entro tre anni oltre trentamila droni voleranno quotidianamente nei cieli di tutto il mondo. Una stima ritenuta bassa da molti analisti, perché il mercato degli APR (Aeromodelli a Pilotaggio Remoto) è in evidente crescita: un intero padiglione dell’ultima edizione del CES (Consumer Electronic Show) di Las Vegas (6-9 gennaio), la più grande fiera al mondo dedicata all’elettronica di consumo, è stato riservato a questi piccoli elicotteri hi-tech.

Zano, il drone per farsi i selfie, ha raccolto oltre 2 milioni di dollari su Kickstarter

Il mercato dei droni, escluse le forniture militari, raggiungerà nel 2015 un fatturato pari a 130 milioni di euro stando a una ricerca promossa dalla Consumer Electronic Association. Una cifra modesta, ma che sta crescendo esponenzialmente. Al CES, ad esempio, sono stati esposti circa 50 nuovi modelli di APR, alcuni dei quali hanno riscosso un notevole interesse da parte degli investitori. Nel business dei droni sono già entrate aziende note, Amazon e Facebook per esempio, ma siamo ancora in una fase pioneristica, tant’è che la maggior parte dei progetti trova risorse attraverso il crowdfunding. Un esempio? Zano, un piccolissimo drone che sulla piattaforma Kickstarter ha già raccolto finanziamenti per oltre due milioni di dollari. Si guida con la smartphone e piace molto perché permette di scattarsi selfie da distanze più lunghe del proprio braccio.

GoPro pronta a realizzare il suo primo drone

I prezzi dei droni, inoltre, si stanno abbassando notevolmente. Il già citato Zano costa 210 dollari e presto entrerà in commercio. La Parrot, tra le prime aziende a credere in questa tecnologia, dopo il successo ottenuto con A.R., ha lanciato Bepop, aeromodello, pilotabile con una semplice app, che cattura immagini e realizza filmati in alta definizione. Il suo prezzo? Meno di 500 dollari. L’Inspire 1, drone professionale con videocamera 4K, braccia dei rotori in fibra di carbonio, è capace di trasmettere immagini a una distanza di oltre 2 km e non costa molto: 2.859 dollari. E GoPro, i cui prodotti sono ideali per essere montati sugli APR, è pronta a produrre il suo primo drone. Sarà la killer application degli APR? Secondo gli analisti c’è da scommetterci, anche se le aziende cinesi specializzate in questo comparto sembrano avere una marcia in più.