Nasce BB.Suit 0.2 La tuta che pulisce l’aria Nasce BB.Suit 0.2 La tuta che pulisce l’aria

Nasce BB.Suit 0.2
La tuta che pulisce l’aria



- + Text size
Stampa

Arriva dall’Olanda il prototipo d’abbigliamento tecnologico che, quando indossato, rileva i valori nell’aria, grazie ad un avanzato sistema di sensori, e abbassa il livello di polveri sottili presenti.

Realizzata in tecnologia Cold Plasma ad alta tensione, la tuta è in grado di estrarre le particelle nocive e presenti nell’ambiente circostante e scaricarle a terra evitando di inalarle. Unico limite del progetto: il capo d’abbigliamento non è lavabile.

Tecnologia ed innovazione, abbinate al mondo dell’abbigliamento, per migliorare la qualità della vita dei cittadini, grazie ad un sistema avanzato, il Cold Plasma ad alta tensione, in grado di purificare l’aria nella zona circostante. E’ così che nasce l’idea di 2 designer olandesi che, grazie al supporto dell’Università di Tecnologia di Eindhoven, hanno realizzato una tuta che permette di respirare aria più pulita, BB.Suit 0.2.

Il prototipo

Una soluzione innovativa come risposta, a corto raggio e in scala ridotta, al surriscaldamento della Terra e al crescente livello di inquinamento delle polveri sottili e degli agenti nocivi nell’aria. Questo è l’obiettivo che ha guidato Borre Akkersdijk e Eva de Laat, gli inventori di BB.Suit 0.2, la tuta al momento realizzata solo in forma di prototipo, non disponibile sul mercato. Il capo d'abbigliamento, che presenta l’innovativa tecnologia Cold Plasma, è in grado di identificare e dividere le molecole di acqua e di ossigeno in radicali liberi, che purificano l’aria reagendo con gas tossici, virus, batteri e polvere. Il calore corporeo di chi la indossa funge da batteria: grazie al GPS integrato, ci si potrà liberamente muovere in ogni stanza della casa e monitorare la qualità dell’aria in termini di monossido di carbonio, gas di petrolio liquefatto e metano. 

Sviluppi futuri e limiti di utilizzo

Qualche anno fa furono due studenti americani a lanciare una t-shirt antismog in grado di cambiare colorazione a contatto con gli agenti nocivi, ora è la tuta BB.Suit 0.2 a riaprire la strada verso i accorgimenti tecnologici che dovranno sapere plasmare i capi d’abbigliamento alle crescenti necessità della Terra e dei suoi abitanti. Con queste affermazioni i creatori della tuta hanno accompagnato la presentazione ufficiale di BB.Suit 0.2 durante la Beijing Design Week. Oltre alle grandi potenzialità della tuta, Akkersdijk e de Laat hanno voluto sottolineare anche alcune criticità a cui cercheranno di mettere rimedio con futuri sviluppi. Alti costi di produzione e impossibilità di esporre la tuta ai lavaggi: sono queste le barriere che dovranno essere superate per far entrare definitivamente BB.Suit 0.2 nel mercato globale.