Lombardia sempre più digitale Lombardia sempre più digitale

Lombardia sempre più digitale

L’Amministrazione Regionale ha deciso d’imprimere un’accelerata al programma contenuto nell’Agenda digitale lombarda 2014-2018

- + Text size
Stampa

Una task force per aiutare i comuni più piccoli a gestire i processi di digitalizzazione. Implementazione delle iniziative riguardanti l’Internet of Things e Smart cities. Open data per tutte le PA e nuovi software per analizzare i Big Data. Infrastrutture dedicate alla banda ultralarga. Questi sono solo alcuni degli obiettivi che la Regione Lombardia desidera completare entro la fine del 2015.

La Regione Lombardia preme l’acceleratore sul digitale. L’Amministrazione Regionale vuole portare a termine, entro la fine del 2015, un numero elevato di progetti della sua Agenda digitale lombarda 2014-2018. Progetti che saranno seguiti, in larga misura, dalla propria società ICT in house, ossia Lombardia Informatica.

Aiutare i piccoli comuni nella sfida digitale

Il principale obiettivo perseguito dalla Regione Lombardia per l’anno in corso è la promozione di centri di competenze digitali, speciali unità operative in grado di affiancare il personale degli enti locali, in maniera stabile e continuativa, nella progettazione e nella gestione dei processi di digitalizzazione. Questa task force avrà il non facile compito di trasferire il proprio sapere digitale alle realtà comunali meno attrezzate. Impresa resa più complicata dalle piccole dimensioni degli enti comunali della Lombardia: l’80% dei Comuni ha meno di 5.000 abitanti e pochissimo personale, spesso non opportunamente formato per mansioni che richiedano l’impiego di tecnologie ICT.

L’importanza degli oggetti che dialogano con la Rete

Altri due elementi rilevanti all’interno dell’Agenda digitale lombarda 2014-2018 sono l’Internet of Things e le Smart cities. Gli oggetti in grado di dialogare con la Rete sono visti dall’Amministrazione Regionale come essenziali per migliorare l’efficienza della PA, specie in ambito sociosanitario, ma anche delle aziende, la cui crescita digitale è tra gli obiettivi primari della stessa Agenda. Proprio lo sviluppo dei cosiddetti sistemi interoperanti permetterà di rendere le città sempre più “intelligenti”.

Ma dove vai se la banda ultralarga non ce l’hai?

Completano la programmazione 2015 dell’Agenda digitale lombarda un insieme variegato di progetti. Sarà implementato il servizio di open data per le PA, alle quali saranno forniti anche innovativi strumenti per l’elaborazione dei Big Data. Grande attenzione sarà riservata anche alla modulistica online che dovrà essere ulteriormente semplificata e resa compatibile tra tutti i sistemi digitali degli enti locali lombardi. Per imprimere una decisiva accelerazione al processo di digitalizzazione della Lombardia, la Regione ha deciso di riservare apposite, e notevoli, risorse per realizzare infrastrutture di rete in banda larga e ultralarga che permettano a cittadini e imprese di avvalersi dei servizi online in condizioni migliori rispetto alle attuali.