Hexo+ il drone che non ha bisogno di un pilota umano Hexo+ il drone che non ha bisogno di un pilota umano

Hexo+ il drone che non ha bisogno di un pilota umano

Grazie a un sensore, segue e filma un soggetto in tutta autonomia

- + Text size
Stampa

Il progetto ha raccolto oltre tre milioni di dollari su Kickstarter e sarà disponibile dal prossimo maggio. Ha già un rivale: AirDog, altro aeromodello che non ha bisogno di radiocomando. La guerra degli smart droni è appena iniziata.

Si chiama Hexo+ e non è il solito drone. È un hexacopter, un drone con quattro rotori, molto intelligente, tanto da non aver bisogno di essere radiocomandato. Vola e riprende un soggetto in movimento in totale autonomia. E a quanto pare nel mondo c’è un gran bisogno di droni “smart”, tant’è che il progetto ha già racimolato un finanziamento di oltre 3milioni di dollari su Kickstarter.

Un drone ideale per chi fa sport estremi

Come funziona Hexo+? Molto semplice. Si posiziona il drone per terra. Si attiva l’apposita applicazione sullo smartphone avendo cura di scegliere il tipo d’inquadratura desiderata: frontale, posteriore o laterale. Quindi si dà avvio all’attività desiderata, come scalare un monte, darsi al parapendio, fare snowboard estremo o qualsiasi altro sport adrenalinico in territori impervi, dove un operatore, con tanto di telecamera, non sarebbe in grado di arrivare. Non a caso l’idea di questo drone completamente automatico, che supporta il kit GoPro e può raggiungere la notevole velocità di 75 km/h, è stata partorita da Xavier de Le Rue, appassionato di sport estremi, coadiuvato da Renan Öztürk, tecnico informatico. Il drone è in grado di seguire in autonomia il soggetto grazie alla sua sofisticata strumentazione, composta da un processore, un GPS e un sensore che traccia la posizione della persona da filmare. Altre caratteristiche di questo hexacopter sono una carlinga studiata nel tunnel del vento affinché l’aerodinamica del mezzo sia ottimale, la funzione fail-safe, ossia un sistema di atterraggio automatico nel caso in cui l’aeromodello palesi dei problemi, e un telaio molto robusto, sebbene il drone pesi meno di mille grammi. Hexo+ è stato dotato anche della funzione live view per inviare in diretta, su uno o più smartphone, le sue riprese. Unico neo? Hexo+ ha un’autonomia in volo di 15 minuti, anche se i suoi ideatori stanno studiando un sistema per aumentarla.

Il suo primo "rivale" ha già raccolto più di un milione di dollari su Kckstarter

Hexo+ non è l’unico smart drone prossimo a sbarcare sul mercato (dovrebbe essere disponibile a maggio e costare 599 dollari, oppure 799 dollari con GoPro inclusa). Su Kickstarter stanno cercando fondi anche gli ideatori di AirDog che ha le stesse caratteristiche del suo “rivale”, eccezion fatta per uno “sponsor” come Xavier de Le Rue, re dello snowboard estremo. AirDog per il momento ha racimolato qualcosa come 1,3 milioni di dollari sulla nota piattaforma di crowdfundig e promette di dar battaglia a Hexo+ con un design più accattivante, una maggiore stabilità e un’autonomia più lunga. La guerra dei droni automatici è appena iniziata.