Droni in Italia: sono 100 le aziende in regola Droni in Italia: sono 100 le aziende in regola

Droni in Italia: sono 100 le aziende in regola

Il primo rapporto sui droni in Italia, che sarà presentato ufficialmente domani in occasione della Roma Drone Conference, dimostra come l’utilizzo dei droni da parte delle imprese del territorio nazionale non sia avallato, in tutti i casi, dall’autorizzazione da parte delle autorità competenti

- + Text size
Stampa

L’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile, a un anno dalla pubblicazione del regolamento per l’uso degli aeromobili a pilotaggio remoto, ha raccolto i dati sui primi 12 mesi di vita dei droni in Italia. Le anticipazioni parlano anche di utilizzi non regolari.

L’utilizzo dei droni da parte delle aziende si è trasformato, in pochi mesi, in un trend diffuso. Un fenomeno in espansione che, dallo scorso anno, è regolato dalle pubblicazioni in materia da parte dell’Enac, l’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile impegnato a normare l’uso nei cieli dei piccoli innovativi aeromobili. A distanza di 12 mesi dall’introduzione delle misure regolamentari, l’Enac ha stilato un rapporto in cui vengono analizzati i dati raccolti sulle aziende che hanno deciso di implementare, tra gli strumenti operativi d’impresa, anche i droni.

Il rapporto

L’Enac presenterà ufficialmente domani, 19 dicembre, in occasione della Roma Drone Conference, la prima manifestazione in Italia dedicata esclusivamente ai mezzi aerei a pilotaggio remoto, i risultati dell’indagine sul settore degli Apr. Le prime anticipazioni mostrano come sul territorio nazionale siano solo 100 le aziende in regola, abilitate all’utilizzo dei droni per operazioni specializzate o attività sperimentali. Numero simile alle imprese che invece, pur utilizzando i droni nelle loro attività operative, non posseggono le autorizzazioni necessarie al volo. Inoltre, circa il 10% delle aziende autorizzate ha ottenuto la certificazione Enac per effettuare voli su aree critiche come zone abitative e spazi territoriali industriali. Crescono, così come gli utilizzi, anche i numeri legati alla formazione: sono più di 40, infatti, le scuole di volo autorizzate all’istruzione dei piloti di Apr.

Roma Drone Conference

I dettagli della ricerca si conosceranno soltanto domani in occasione della presentazione ufficiale al Roma Drone Conference, un appuntamento patrocinato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, che prevede oltre 30 sessioni di intervento durante la giornata, tra cui la presentazione del rapporto Enac. Le parole del presidente della Conferenza Internazionale, Luciano Castro, mostrano soddisfazione verso la scelta dell’Enac di utilizzare il palcoscenico della kermesse romana per presentare i risultati ad un anno dall’introduzione delle normative. Un momento di interesse comune, continua Castro, che permetterà di fare il punto sullo stato dell’arte del segmento Apr, e valutare congiuntamente le prospettive di sviluppo tecnologico future.