Con la #COSMOsmHack la Capitale diventa digital Con la #COSMOsmHack la Capitale diventa digital

Con la #COSMOsmHack la Capitale diventa digital

Presentato il ricco programma dell’evento ad alto tasso innovativo che andrà in scena nella sede dell’Agenzia Spaziale Italiana

- + Text size
Stampa

La maratona tecnologica organizzata dall'ASI di Roma per il 28 e 29 novembre prossimi avrà l’obiettivo di sviluppare applicazioni e software innovativi basati sui dati provenienti dalla costellazione COSMO-SkyMed.

L’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) è senza dubbio uno degli enti più impegnati nel virtuoso percorso di crescita della società moderna verso le frontiere legate al digital. La conferma arriva dall’ufficialità del #COSMOsmHack, la maratona di coding in cui verranno utilizzati i Big Data raccolti dalla costellazione COSMO-SkyMed durante l’Osservazione della Terra. L’obiettivo della due giorni romana, che andrà in scena proprio nella sede dell’ASI il 28 e 29 novembre prossimi e che sarà aperta a tutti, è quello di sviluppare, e poi promuovere nel mercato globale, dei Proof of Concept innovativi per app e software. Dal concept design, al mock–up, fino alle demo ed ai prototipi per app e per piattaforme web e mobile: questo sarà il linguaggio che animerà le Sfide dell’ASI, ovvero i 4 ambiti tematici su cui si concentrerà l’attenzione di chi dovrà sviluppare soluzioni 2.0 all’avanguardia.

Come partecipare

All’evento, organizzato in collaborazione con Telespazio e Thales Alenia Space Italia, sarà possibile partecipare gratuitamente compilando l’apposito modulo presente sul sito ufficiale dell’ASI e inoltrando il form di iscrizione direttamente online. Non solo: tutti gli iscritti avranno l’opportunità di indicare anche il nominativo di un compagno di viaggio con cui partecipare all'Hackathon, per sfruttare le sinergie conoscitive e arrivare, insieme, a dare vita a soluzioni altamente innovative per la smart society del futuro. Il lavoro in team sarà uno degli elementi portanti di questa 2 giorni capitolina: gli organizzatori hanno già informato che verranno costituiti specifici workgroup, di non più di 5 unità, che saranno formati sulla base delle skills personali di ciascun partecipante.

Le Sfide, il terreno virtuoso di una battaglia innovativa

I Proof of Concept che verranno definiti al termine dei lavori dovranno contenere soluzioni innovative, integrabili in contesti operativi come la Pubblica Amministrazione e le imprese o utilizzabili per migliorare i servizi per i cittadini, in una soltanto delle 4 Sfide proposte. Tali segmenti riguarderanno Coste e Mari, Emergenza e Sicurezza, Beni Culturali e Agricoltura. Per poter sviluppare idee all’avanguardia i partecipanti avranno pieno accesso al ricco database di Osservazione della Terra, che darà spunti di grande valore a supporto delle proposte finali. Per le migliori idee in ciascuna categoria ci sono in palio premi di grande rilievo, come la possibilità di partecipare al 67° International Astronautical Congress il prossimo settembre in Messico, oltre all’accesso per 9 mesi in un programma di incubazione in cui approfondire il business model del progetto, prima di dare avvio ad una eventuale startup innovativa.