Truffe e reati telematici Truffe e reati telematici

Truffe e reati telematici

Cosa fare e a chi rivolgersi?

- + Text size
Stampa

Siamo sempre on line, per scambiare informazioni, accedere alle grandi banche dati, creare e gestire attività finanziarie. Ma anche per fare nuove amicizie, condividere interessi, parlare e partecipare alla vita sociale online.

Tanti, quindi, i fattori positivi, ma anche tanti quelli negativi relativi all’uso di Internet. Negli ultimi anni, infatti, lo scenario di rischio della sicurezza è profondamente cambiato. Le attività dei criminali informatici sono in continua evoluzione, sia per la complessità degli attacchi, che si fanno via via sempre più “raffinati”, che per la scelta delle vittime, sempre più giovani e meno consapevoli dei pericoli del web.  

Senza contare che la criminalità informatica ha abbracciato anche il mondo del mobile. Le ragioni sono semplici, sui terminali mobili, quali smartphone e tablet, sono racchiusi dati sensibili in grande quantità, credenziali di accesso a servizi importanti. In questo scenario cosa possiamo fare per difenderci, a chi dobbiamo rivolgerci quando ci imbattiamo in casi di cyberbullismo, hacking o phishing?

Chi viene in nostro aiuto

Con la riforma dell’Amministrazione della Pubblica Sicurezza nasce la Polizia Postale e delle Comunicazioni.

Presente sul territorio con sedi regionali e provinciali, la Polizia Postale e delle Comunicazioni ha il ruolo di prevenire e contrastare la criminalità fornendo ai cittadini servizi e assistenza adeguati alle nuove frontiere tecnologiche. Da anni è anche impegnata sul fronte della sensibilizzazione sui temi della di sicurezza nell'uso della Rete, ad esempio con la campagna educativa Una Vita da Social.

A chi rivolgersi?
Il commissariato di Polizia Online

Per aiutare utenti e cittadini a non cadere nelle tante trappole della Rete, il commissariato di Polizia ha creato uno sportello online, una sorta di Ufficio Relazioni con il Pubblico per la sicurezza degli utenti del web.

Gestito da investigatori, tecnici ed esperti in materie giuridiche e sociali è suddiviso in tre sezioni:

  • Informati – contiene informazioni, approfondimenti, notizie e consigli;
  • Domanda – l’area per richiedere informazioni e consigli, entrare in contatto con gli esperti e partecipare al forum;
  • Collabora – in questa area è possibile effettuare segnalazioni e sporgere denunce on-line relative a reati telematici.

Come esporre denuncia per i reati telematici?

La Polizia di Stato per velocizzare alcune pratiche ha realizzato il servizio “Denuncia via web di reati telematici”, un progetto che prevede la partecipazione attiva da parte degli utenti che hanno la possibilità di registrarsi al sito e avviare la procedura per sporgere una denuncia.

TIM contro gli attacchi informatici

Anche aziende come Telecom Italia prevedono attività di prevenzione e di contrasto degli attacchi informatici.  Oggi queste attività vengono gestite da due centri di eccellenza: il Security Lab e il Security Operation Center (SOC). Il primo lavora per rilevare le minacce emergenti e predisporre così le contromisure più idonee alla tipologia di attacco; il secondo monitora e gestisce gli allarmi di sicurezza provenienti dalle reti di telecomunicazione e dai Data Center che ospitano le applicazioni di Telecom Italia e quelle dei suoi clienti e utenti.

Telecom Italia inoltre offre la possibilità di segnalare un abuso direttamente alle proprie strutture tramite un form da compilare online.