La sicurezza online: come proteggersi dagli attacchi informatici La sicurezza online: come proteggersi dagli attacchi informatici

La sicurezza online: come proteggersi dagli attacchi informatici

I cyber-attacchi non risparmiano nessuno. Scopri come difenderti        

- + Text size
Stampa

Il fenomeno dei crimini informatici è in crescita, sia per quanto riguarda la portata sia per quanto concerne la complessità degli attacchi.

Aziende, operatori Internet, servizi cloud e data center: tutti possono essere colpiti. In particolare sono in aumento le azioni DDoS che, secondo l'ultimo rapporto annuale di Arbor Network, società che opera nel campo della sicurezza informatica, si sono moltiplicate di 50 volte negli ultimi 10 anni.

Ma cos'è un DDoS?

Un attacco DoS (Denial of Service) ha l'obiettivo di impedire agli utenti il funzionamento normale di una risorsa web, come ad esempio un sito internet, un servizio o un'applicazione, sovraccaricando la banda del server così da renderla temporaneamente inaccessibile. Quando all'attacco partecipano svariati sistemi, si parla di DDoS (Distributed DoS): gli effetti negativi si moltiplicano; le molte, troppe richieste vengono inviate contemporaneamente da diversi punti della rete e questo carico eccessivo rende il servizio instabile o addirittura indisponibile. Spesso gli attacchi DDoS sfruttano i cosiddetti Botnet, eserciti di computer arruolati ad insaputa dei proprietari/utenti per generare traffico legato agli attacchi.

Non è solo questione di fastidio e perdita di tempo, in molti dei casi queste azioni sono una minaccia per la continuità operativa delle aziende e un grave danno economico (di fatturato, dovuto all'indisponibilità del servizio, di produttività, dovuto all'impossibilità di utilizzare gli strumenti di lavoro da parte dei dipendenti, d'immagine, dovuto alla riduzione di fiducia da parte degli utenti).

Quali sono le motivazioni principali a monte degli attacchi DDoS?

  • Il vandalismo
  • La protesta ideologica
  • Il lucro (concorrenza sleale e vendette personali)

Spesso sono tentativi di screditare o danneggiare un'azienda concorrente: il cybercrime è diventato una vera e propria industria, tanto che i servizi criminali sono acquistabili sul Deep Web, il web “sommerso”.

Come si fa a proteggersi da tutto questo?

Non è affatto facile individuare l'origine degli attacchi DDoS e prevenirli.

TIM mette in campo le sue migliori risorse: professionisti e tecnologie avanzate nel campo della sicurezza informatica per assicurare la protezione dei dati, delle reti e dei servizi. Una strategia che si basa sulla reazione tempestiva e sul monitoraggio ma soprattutto sulla proattività.

In TIM, le attività di prevenzione e di contrasto degli attacchi informatici vengono gestite dal Security Labche lavora per rilevare i trend emergenti e i segnali delle minacce e predisporre così le contromisure più idonee alla tipologia e all'entità dell'attacco.

In tal senso i Big Data  risultano una risorsa preziosa: informazioni che possono essere sfruttate efficacemente per rilevare e prevenire vulnerabilità e possibili attacchi.

In più TIM mette a disposizione Nuvola It DDoS Protectionla soluzione cloud per la protezione da attacchi DDoS. Il servizio:

  • permette di rilevare la tipologia di attacco e filtrare il traffico prima che raggiunga l’infrastruttura bersaglio
  • certificato ISO 27001, è gestito dal Security Operation Center (SOC) di TIM, un centro con personale altamente specializzato operativo 24 ore su 24, 365 giorni all’anno, in grado di assicurare l’attivazione delle misure di protezione, contenimento e filtraggio dagli attacchi DDoS
  • prevede la consulenza online per problematiche di security e la consegna di report giornalieri.

Per il Servizio di assistenza il Numero Verde a disposizione è 800 811 822 seguito dal PIN 1035, la mail di riferimento è soc.mercato.ap@telecomitalia.it.

Nota Bene: I crimini informatici sono punibili dalla legge.

Le forze dell’ordine della maggior parte dei Paesi nel mondo hanno predisposto nuclei speciali di polizia per contrastare i crimini informatici: in Italia se ne occupa la Polizia Postale e delle Comunicazioni.

TIM, per prevenire e contrastare i comportamenti illeciti che hanno luogo su Internet, offre la possibilità di segnalare un abuso direttamente alle proprie strutture.

Qui trovi il link per compilare il form