Quali sono aspetti gli positivi (se ne esistono) e negativi di Facebook per un ragazzino? Quali sono aspetti gli positivi (se ne esistono) e negativi di Facebook per un ragazzino?

Quali sono aspetti gli positivi (se ne esistono) e negativi di Facebook per un ragazzino?

- + Text size
Stampa

Facebook rappresenta una straordinaria opportunità di informazione, apprendimento, svago e comunicazione che supporta i ragazzi nello svolgimento delle attività quotidiane, dallo studio all’intrattenimento. Dà la possibilità di essere aggiornati attraverso la partecipazione a gruppi interessanti, di contattare amici, di alimentare la curiosità conoscitiva attraverso il sistema della condivisione.

Dunque è un facilitatore della socializzazione attraverso il contatto in tempo reale.

Tuttavia, è proprio l’uso friendly del mezzo che determina rischi per un ragazzino che si avvicina da solo e con estrema disinvoltura a Facebook. Intanto la privacy è pari a zero e tutti i dati personali sono oggetto di commercio in rete, nel senso che sono acquistati da multinazionali, senza contare i rischi di furto d’identità.

Ma i pericoli più seri sono legati ai fenomeni di dipendenza che possono determinare perdita di concentrazione, stanchezza eccessiva, problemi scolastici, isolamento dagli amici, disobbedienza e ribellione, stili di vita poco sani con rischio obesità e riduzione degli incontri di persona. Senza dimenticare l’uso frequente della violenza verbale, il cyberbullismo, il razzismo, la pornografia, la pedofilia in agguato dietro le chat, le linee telefoniche a pagamento celate dietro siti Web.