Pedius: comunicare è per tutti Pedius: comunicare è per tutti

Pedius: comunicare è per tutti

L’applicazione che fa telefonare chi non sente

- + Text size
Stampa

La tecnologia può essere applicata in vari contesti per promuovere l’inclusione sociale, migliorare la qualità della vita delle persone, favorire la comunicazione abbattendo barriere che spesso sembrano insuperabili.

Sembrerebbe scontato, eppure spesso ci troviamo di fronte a problemi della vita di tutti i giorni che, nonostante i passi in avanti fatti dall’innovazione tecnologica, sembrano non trovare una soluzione. Pensiamo ad esempio alle persone non udenti che in caso di emergenze non hanno la possibilità di chiamare direttamente i servizi di assistenza ma si devono affidare a dei call center specializzati.

Da questo presupposto, e dalla volontà di dare una soluzione ad un problema reale e molto sentito, nasce Pedius, un’applicazione che consente alle persone sorde di effettuare normali telefonate utilizzando le tecnologie di riconoscimento e sintesi vocale.

Pedius, startup giovane e tutta italiana, è incubata all’interno dell’acceleratore Working Capital; è stata fondata da Lorenzo di Ciaccio, un giovane informatico che,spinto da passione e spirito imprenditoriale, ha deciso di intraprendere questa sfida per aiutare le persone non udenti a comunicare.

Conosciamo più da vicino Pedius.