NFC in arrivo TIM Wallet NFC in arrivo TIM Wallet

NFC in arrivo TIM Wallet

Quando lo smartphone sostituisce la carta di credito.

Stampa
- + Text size

Lo smartphone è diventato ormai parte integrante della nostra vita.

Ci serve per telefonare, per rimanere connessi con la Rete, per condividere e cercare informazioni, ci serve per postare foto e video realtime sui Social Network, ci serve per leggere le mail e le ultime news, ci serve per restare aggiornati.

E se sostituisse anche la carta di credito? Pensate alla comodità di poter pagare semplicemente avvicinando lo smartphone al lettore in tutta semplicità e in tutta sicurezza.

Questa azione sarà possibile grazie al TIM Wallet, il portafoglio virtuale  di Telecom Italia che, sfruttando le potenzialità della tecnologia NFC (Near Field Communication), consente di effettuare pagamenti in prossimità semplicemente avvicinando il telefono ad un lettore abilitato (POS NFC), facilitando così molti aspetti della vita quotidiana di tutti noi, quali pagare la spesa al supermercato, acquistare biglietti di bus e metropolitana, il caffè al bar oppure giornali, libri e riviste.

L’NFC è, infatti, una tecnologia a radiofrequenza che consente l’interscambio di informazioni veloce e sicuro tra due dispositivi posti a breve distanza tra loro, in un raggio di pochi centimetri. L’importante, affinché tutto funzioni, è che i due dispositivi siano a una distanza massima di circa 10 cm.

Dal 23 giugno, grazie alla collaborazione con Banca Mediolanum, che ha messo a disposizione la prima carta prepagata, il servizio di mobile payment è ufficialmente lanciato sul mercato.

Una vera rivoluzione

La rivoluzione dei pagamenti è già iniziata. Non è la prima volta che Telecom Italia parla di NFC: già nel 2011 aveva siglato un accordo con ATM (azienda di trasporti milanese) per il mobile ticketing con il cellulare, sia per i mezzi di superficie che per la metropolitana. Mentre nel 2013, insieme al Centro di Ricerche Fiat, è partita una sperimentazione per applicare l’NFC alle autovetture.

Si tratta di una concezione che rivoluziona il mercato e il modo di usare lo smartphone. Sono novità che interessano sia gli utenti, che gli operatori di settore, le banche e i negozianti. Ma come funziona?

L’utente che decide di attivare la funzionalità sul proprio smartphone riceve una Sim speciale che, in modo sicuro, ospita i dati della carta di credito. È sufficiente scaricare l’APP per gestire i pagamenti e avvicinare lo smartphone al lettore Pos contactless dell’esercente per avviare il pagamento.

Gli italiani sono molto legati all’utilizzo dei contanti, però attualmente in Italia ci sono circa 150.000 Pos contactless e circa 9 milioni di smartphone con tecnologia NFC, e sono dati in costante crescita. Ci sono quindi tutte le premesse per un ampio sviluppo dei cosiddetti servizi di “mobile proximity payments” (pagamenti in prossimità via mobile).

Nasce Tim Wallet

Per rispondere alle esigenze delle persone, TIM lancia TIM Wallet, il portafoglio virtuale che progressivamente sostituirà tutti i supporti cui siamo abituati: carte di pagamento, tessere fedeltà, abbonamenti e biglietti di mezzi pubblici, chiavi di casa e dell’ufficio, documenti di identità, ecc.

Come primo servizio del TIM Wallet si parte con la virtualizzazione delle carte di pagamento, ovvero con i mobile proximity payments. Il cliente potrà scegliere se “dematerializzare” sul proprio smartphone NFC: la TIM SmartPAY, la carta pregata di TIM, sviluppata in collaborazione con VISA e Intesa Sanpaolo, oppure le carte di pagamento delle banche italiane, tra cui nella fase iniziale quelle di Mediolanum (disponibile già da giugno), UBI, BNL e Intesa Sanpaolo, mentre altri istituti si aggiungeranno successivamente.

Grazie alla collaborazione con Banca Mediolanum, che ha messo a disposizione la prima carta prepagata, anche i clienti TIM possono quindi ora sperimentare la tecnologia NFC per i pagamenti.

Dopo la carta di Banca Mediolanum, il TIM Wallet si arricchirà a breve con le carte di altri istituti ed entro l’estate sarà disponibile la TIM SmartPAY, la carta prepagata TIM sviluppata in collaborazione con Visa Europe e Intesa Sanpaolo. I pagamenti potranno avvenire tramite la tecnologia NFC e speciali Pos abilitati, che diventeranno sempre più diffusi.  I clienti TIM dovranno dotarsi di una SIM e di un telefono NFC presso qualsiasi negozio TIM e  scaricare il TIM Wallet. Il cambio SIM è gratuito e immediato e il cliente potrà scegliere la carta da attivare, tra quelle disponibili nella vetrina e monitorare l’installazione della carta sulla SIM.  

Per le spese fino a 25 euro basterà avvicinare lo smartphone all’apparecchio Pos, mentre per le spese superiori verrà richiesto l’inserimento di un PIN personale, proprio per aumentare la sicurezza dell’utente.

TIM Wallet ha delle caratteristiche che rendono il servizio innovativo e utile per l’utente, infatti è:

  • Comodo: il telefonino è sempre a nostra disposizione, è sempre nelle nostre mani e sappiamo sempre dov’è.
  • Facile: è sufficiente avvicinare il telefonino al lettore NFC e la transazione avviene in pochi secondi.
  • Sicuro: le transazioni dei pagamenti sono criptate e tutti i dati sono memorizzati all’interno della Sim del telefonino, con elevati sistemi di sicurezza.
  • Pagamenti tracciati: è possibile tenere sotto controllo tutte le spese.

Sicuramente il passaggio dai contanti all’NFC richiede tempo; i consumatori, ma anche i negozianti, dovranno abituarsi ed equipaggiarsi, ma secondo delle previsioni, entro il 2016 un utente su due disporrà di un telefono NFC e i Pos abilitati saranno tra i 400.000 e i 600.000

L’obiettivo di Telecom Italia è quello di aumentare la diffusione del mobile payment e diffondere il TIM Wallet in tutta Italia, dopo due anni di sperimentazione nell’area di Milano. 

Inoltre Telecom Italia sta lavorando con le aziende di altri settori chiave come trasporti e retail, società di controllo accessi e buoni pasto, per sfruttare tutte le potenzialità della tecnologia NFC SIM-based nei diversi ambiti di applicazione e arricchire progressivamente i servizi offerti tramite il TIM Wallet.

E voi, siete pronti alla rivoluzione?