Quando giocare è una cosa molto seria Quando giocare è una cosa molto seria

Quando giocare è una cosa molto seria

Un workshop dedicato alla teoria dei giochi, organizzato da JOL Swarm e Politecnico di Torino 

Stampa
- + Text size

  • 10 febbraio 2016 ore 10:00, Torino – "Workshop sulla teoria dei giochi, ovvero quando giocare è una cosa molto seria", presso il Joint Open Lab SWARM, C.so D. Abruzzi, 24 – Politecnico di Torino

La parte introduttiva è stata trasmessa in live streaming su questa pagina grazie alla soluzione sperimentale bLIVE di TIM.
Disponibili on demand tutti gli interventi della giornata.

Nata in ambito economico, la teoria dei giochi non è solo una teoria matematica che formalizza giochi, ma è molto utile per modellare comportamenti di agenti che interagiscono e che cercano di ottimizzare il proprio interesse.

Le applicazioni possono essere svariate per un’azienda: prevedere o progettare dinamiche di giochi “ad-hoc” ai fini di modificare il comportamento di reti socio-economiche, strutturare servizi o prodotti dell’ICT basati su sistemi distribuiti che si adattano da soli ai cambiamenti grazie a meccanismi di teoria dei giochi.

I concetti, gli strumenti, e gli esempi presentati durante il Workshop “La teoria dei giochi, ovvero quando giocare è una cosa molto seria” aiutano a capire la vastità delle applicazioni che ci possono essere, anche nei contesti in cui apparentemente non sembra esserci alcun “gioco”.

Il workshop - organizzato dal Joint Open Lab SWARM di Torino e tenuto dal prof. Fabio Fagnani (professore ordinario e direttore del Dipartimento di Scienze Matematiche del Politecnico di Torino) è articolato in due momenti:

  • la prima parte, trasmessa in live streaming grazie alla soluzione prototipale bLIVE di TIM , tratta gli elementi introduttivi e agli strumenti della Teoria dei Giochi, riportando alcuni esempi pratici e applicazioni. Successivamente i partecipanti sono chiamati a intervenire in prima persona, partecipando al live game. Segue un intervento più teorico, volto a formalizzare i concetti visti nella prima parte e sperimentati nel gioco.
  • la seconda parte Game theory in action introduce due casi d’uso concreti in ambito ICT.

Agenda e interventi on demand

  • 10:00 Benvenuto – Valeria D’Amico, Claudio Borean (in live streaming realizzato con la soluzione sperimentale bLIVE di TIM)
  • 10:15 Introduzione alla teoria dei giochi – Fabio Fagnani (in live streaming realizzato con la soluzione sperimentale bLIVE di TIM)
    - Introduzione: che cosa è la teoria dei giochi
    - Dai giochi di carte ai conflitti nucleari
    - Strategie, equilibri, cooperazione
    - Giochi come modelli di sistemi complessi

Sessione locale presso il JOL di Torino

  • 11:15 Live game: giochiamo con la teoria dei giochi
  • 12:00 L’ingegneria dei giochi - Domenica Borra (Post Doc)
    -
    Strategie per giochi semplici e ripetuti
    - Dinamiche sui giochi
    - Giochi su reti complesse

Game theory in action

  • 14:00 Games in action: l’esempio di B.O.B. - Ennio Grasso (JOL SWARM)
    - Strategie applicate a casi reali
    - Applicazione al bandwidth sharing cooperativo
    - Progettare sistemi distribuiti robusti con la teoria dei giochi

  • 15:00 Il caso BEEKUP: teoria dei giochi per applicazioni ICT - Barbara Franci (PhD Student)
    - Introduzione al problema del cloud decentralizzato
    - Giochi di popolazione potenziali e dinamiche best response
    - Giochi potenziali per applicazioni cloud e algoritmi best response

  • 15:45 Discussione, wrap-up e conclusioni
  • 16:00 Fine lavori