Per fortuna che c´è la Rete: intervista a Guglielmo Scilla, in arte Willwoosh Per fortuna che c´è la Rete: intervista a Guglielmo Scilla, in arte Willwoosh

Per fortuna che c'è la Rete: intervista a Guglielmo Scilla, in arte Willwoosh

Stampa
- + Text size

Le nuove tecnologie possono trasformare una passione in lavoro e offrire  nuove opportunità ai giovani?

Lo abbiamo chiesto a Guglielmo Scilla, in arte Willwoosh, che ha trovato nel web il terreno adatto per liberare la fantasia, coltivare il talento e acquisire visibilità.

Guglielmo Scilla non ha bisogno di presentazioni. La star del web, nota ai più con il nome Willwoosh, è nata ed esplosa in Rete grazie a video auto-prodotti che su YouTube hanno raccolto milioni di visualizzazioni nel corso degli anni. Un creativo cresciuto a “pane e web”, che ha saputo sfruttare al massimo le potenzialità tecnologiche e i linguaggi cross-mediali e inventarsi una professione che va dal videomaking alla Radio, dalla scrittura al cinema.

Recentemente Scilla ha preso parte a #wehaveadream, un esperimento di Social Writing collaborativo nato dalla partnership tra Telecom Italia e Scuola Holden, in occasione del 50° anniversario del celebre discorso di Martin Luther King.

Il tema trattato da Guglielmo Scilla è stato la #Felicità.


#Felicità è quando il sale delle lacrime ricorda il sapore del mare d'estate. #wehaveadream

@guglielmoscilla