La Toscana gode di buona fama online La Toscana gode di buona fama online

La Toscana gode di buona fama online

È la regione italiana che ha la miglior “web reputation” in ambito turistico

- + Text size
Stampa

Secondo un recente studio, chi descrive le mete turistiche del nostro Paese in inglese loda soprattutto la Calabria, per i prezzi contenuti di alberghi e ristoranti, e l’Abruzzo, per la splendida ospitalità dei “nativi”. I recensori italiani premiano la Sardegna, per le spiagge, e la Puglia, grazie alle sue città. Bocciate due regioni insospettabili: Valle d’Aosta e Trentino Alto Adige.

È la Toscana la regione italiana con la migliore “reputazione digitale”. Questo è quanto si evince dallo studio “Turismo digitale: la web reputation delle Regioni italiane. Destinazioni e nuove fonti informative del turista”. La ricerca, condotta da Reputation Manager e da Networklab (laboratorio di digital marketing dell’Università Politecnica delle Marche), evidenzia anche la buona fama di Sardegna e Puglia, per quanto concerne le conversazioni in lingua italiana, e di Calabria e Abruzzo, per quelle in lingua inglese.

La metodologia della ricerca

La ricerca in questione ha preso in esame 16mila conversazioni online, sia in lingua italiana (57%), sia in quella inglese (43%). Conversazioni avvenute sui motori di ricerca (Google, ad esempio), sulle piattaforme dedicate alle recensioni (come TripAdvisor) e quelle delle più note agenzie di viaggi online (Booking e Trivago), su siti di videosharing (Youtube), su Wikipedia e, ovviamente, sui social networks (Twitter e Facebook su tutti). Il nome di ogni regione è stato associato a un numeroso insieme di keyword riguardanti il turismo, al fine di osservare compiutamente la web reputation dei singoli territori in ambito vacanziero.

Toscana superstar online

La Toscana, stando alla ricerca “Turismo digitale: la web reputation delle Regioni italiane. Destinazioni e nuove fonti informative del turista”, ha la migliore fama in Rete per quanto concerne il turismo. Apprezzati, sia dagli italiani sia dagli stranieri, il patrimonio artistico e culturale, il variegato paesaggio e la cucina. Chi scrive in inglese sul Web apprezza anche la Calabria per i costi contenuti di alberghi e ristoranti, mentre adora l’Abruzzo per la grande ospitalità dei “nativi”. La Sardegna ha una “web reputation” elevata, ma solo nelle conversazioni in italiano e grazie alle sue spiagge, mentre la buona reputazione della Puglia deriva principalmente dalle bellezze architettoniche, come palazzi, castelli, chiese e santuari.

Valle d’Aosta e Trentino bocciate

Dietro la lavagna, seguendo i risultati dello studio in questione, due regioni insospettabili. La peggiore web reputation è quella registrata da Valle d’Aosta e Trentino Alto Adige. Gli utenti, per quanto concerne la prima, lamentano l’inefficienza delle infrastrutture, mentre rimproverano alla seconda un’accoglienza fredda e distaccata. Il turismo, in effetti, è anche e soprattutto emozione.